Genova avvolta da Caronte, allerta a 3 e caldo record da bollino rosso

15 luglio 2015, Orietta Giorgio

Genova avvolta da Caronte, allerta a 3 e caldo record da bollino rosso
L’ondata di caldo non accenna a diminuire, anzi. Le città da “bollino rosso”, venerdì 17, saliranno a 20. Il bollettino quotidiano del ministero della Salute avverte: saranno a rischio salute anche i soggetti sani.


Le città “infuocate” saranno Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Milano, Palermo, Perugia, Pescara, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Verona e Viterbo.


Giovedì, invece, il bollino rosso sarà un esclusiva per 14 città: Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Palermo, Perugia, Roma, Torino e Viterbo.


Le temperature? 38 a Milano, 37 a Roma, 39 gradi a Bologna, 38 a Brescia, 37 a Firenze, 40 gradi a Latina, 39 gradi a Torino.


Per Genova, giovedì 16 e venerdì 17 luglio il livello di attenzione, salirà a 3, il più alto esistente.


Il Ministero della Salute prevede “condizioni ad elevato rischio che persistono per tre o più giorni consecutivi”. I soggetti più a rischio sono sempre e comunque, ricordiamolo: gli anziani, i bambini, le persone con malattie croniche.


Cosa fare per tutelarsi? Evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, dalle 11 alle 18. Si consiglia di bere acqua con regolarità, escludendo  alcolici, bibite gassate o gelate  e di mangiare cibi leggeri e poco conditi.


Il Comune di Genova, con l’Azienda Sanitaria Locale e gli organismi del Terzo Settore, ha attivato il piano per coordinare gli interventi volti a mitigare e gestire gli effetti delle ondate di calore sulla salute della popolazione. Chi avesse necessità di intervento, è a disposizione il numero verde InformAnziani 800 995988, attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20. Si potrà ricevere assistenza a domicilio per le necessità delle persone anziane.


In tutta Italia, il numero gratuito di pubblica utilità 1500 "Estate sicura, come vincere il caldo" (il servizio di risposta al cittadino del Ministero della Salute) sarà a disposizione di chiunque voglia avere consigli su come gestire le ondate di calore.

Chiamando il numero, attivo dalle 9 alle 18 di tutti giorno, sabato e domenica compresi, si avrà la possibilità di parlare con il personale incaricato di soddisfare le richieste d'informazione di base e anche con i dirigenti sanitari (medici, veterinari, farmacisti, chimici, biologi e psicologi).


La climatologa del Consiglio Nazionale di Ricerca Marina Baldi spiega: “Nei prossimi giorni ci sarà una rimonta dell’Anticiclone Africano che porterà un nuovo flusso di aria calda e umida, anche se meno esteso di quello della scorsa settimana. Le temperature sono previste in aumento con picchi nelle grandi città anche di 39 gradi, in particolare venerdì al centro sud. Proseguiranno i “temporali di calore” causati proprio dallo scontro tra il gran caldo depositato sul suolo e l’elevato tasso di umidità”.

caricamento in corso...
caricamento in corso...