Bambini sotto choc a Carpiano, vermi nella pasta all'asilo: le proteste

16 ottobre 2017 ore 16:30, Americo Mascarucci
Vermi nella pasta servita alla scuola materna di Carpiano a Milano sud. Si tratterebbe dei cosiddetti parassiti del grano, che è bene specificarlo non sono portatori di infezioni. La loro presenza ovviamente genera disgusto e legittima diffidenza circa la qualità del cibo servito, ma non vi sarebbe nessun rischio per la salute legato alla loro presenza nei cibi. Tuttavia trovarli nel piatto servito ai bambini in mezzo alla pasta non può che fare schifo e giustamente scatenare le doverose rimostranze e polemiche. 
In questo caso è il Comune stesso a dare notizia del ritrovamento dei vermi annunciando possibili azioni legali contro la ditta che fornisce i pasti per la mensa e tranquillizzando circa i temuti rischi per la salute. Con una nota sul sito web il Comune denuncia: "Nella pastina somministrata ai bambini della scuola dell’infanzia, sono stati rinvenuti alcuni probabili ‘parassiti del grano'. Immediatamente sono stati avvisati gli enti competenti di ATS (ex ASL) e sono stati presi tutti i provvedimenti necessari".
Bambini sotto choc a Carpiano, vermi nella pasta all'asilo: le proteste

DI COSA SI TRATTA
Con molta probabilità si tratta del punteruolo del grano conosciuto anche come punteruolo della pasta, del riso, dei cereali. Le uova di questo insetto si svilupperebbero insieme al grano e non è possibile eliminarle se non attraverso l'utilizzo di fitofarmaci a base di prodotti chimici, quelli sì nocivi per la salute. E' dunque altamente probabile che le uova possano finire nella pasta, ma se questa viene consumata subito non vi sarebbero rischi perché la cottura di fatto distruggerebbe automaticamente le uova. 
Invece se la pasta non viene consumata subito e si lascia per un certo periodo in dispensa in ambienti relativamente umidi, le uova troverebbero l'ambiente naturale per schiudersi e quindi liberare i parassiti. E quasi sicuramente è ciò che potrebbe essere avvenuto in questo caso. Forse la pasta è stata conservata troppo a lungo e in un ripostiglio soggetto ad umidità. Ovviamente si tratta di ipotesi che dovranno essere confermate o meno dalle analisi. 
Il Comune ora starebbe valutando se chiedere i danni alla ditta fornitrice dei pasti e revocare l'appalto. 
Intanto i genitori protestano anche se, come specificato dal Comune nel comunicato divulgato "pediatri e specialisti hanno escluso rischi per la salute". Ma certamente questo non può essere sufficiente a chiudere la questione visto che il verme poteva pure essere involontariamente ingerito da qualche bambino insieme alla pasta. E certo ingoiare vermi non è la cosa più igienica del mondo. 

#carpiano #vermi #pasta



caricamento in corso...
caricamento in corso...