Microsoft licenzierà 18 mila dipendenti

17 luglio 2014 ore 15:28, intelligo
Microsoft licenzierà 18 mila dipendenti
Microsoft annuncia il taglio di 18 mila posti di lavoro in tutto il mondo. Una riduzione del 14% della propria forza lavoro, che nelle intenzioni l’azienda di Redmond vanno a inserirsi nell'ambito del ridimensionamento della recente acquisizione di Nokia e della riduzione di altre attività. Un’acquisizione che ha fatto aumentare il numero degli asssunti fino a raggiungere la cifra di quasi 130 mila dipendenti.
Si tratta della maggiore ondata di tagli della storia di Microsoft, che nel 2009 aveva licenziato circa 5800 dipendenti. Il colosso Usa ha annunciato che questo implicherà oneri pre-tasse compresi fra 1,1 miliardi a 1,6 miliardi di dollari nei prossimi quattro trimestri. In questo modo le azioni della multinazionale salgono dell’1,1% negli scambi del preborsa dopo l’annuncio. Dei licenziamenti totali, circa 12.500 saranno nelle divisioni professionali e nelle fabbriche e avverranno tramite sinergie e allineamenti strategici con Nokia Devices and Services, rilevata lo scorso 25 aprile. Gli oneri che la società mette in conto includono tra i 750 e gli 800 milioni di dollari per le liquidazioni ed altri benefit collegati e tra i 350 e gli 800 milioni di dollari di costi collegati agli asset. Secondo le previsioni il piano di ristrutturazione sarà «sostanzialmente completato» entro il 31 dicembre di quest’anno e «del tutto completato» entro il 30 giugno 2015.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...