Non proprio Biancofiore, più rosso di rabbia: "No un ministero a Dellai". Leggete perché

18 febbraio 2014 ore 17:35, intelligo
"Mi auguro che non corrisponda alla realtà che l'esponente di un partito dello 0.001 % come Lorenzo Dellai entri a far parte del governo Renzi 1, sarebbe contraddire la volontà di rinnovamento delle istituzioni e dare spazio a lobby localistiche pesanti non dissimuli dai famigerati poteri forti che attanagliano il Paese e che Renzi sembra voler combattere". Lo afferma Michaela Biancofiore, deputato di Fi. Che attacca, aggiungendo carne al fuoco: "Con Dellai non solo aumenterebbero le spese delle province autonome - già invise alla maggior parte dei cittadini e delle regioni italiane, ma peggio - l' ex presidente del Trentino, fungerebbe solo da inviato , da sentinella di quelle forze reazionarie delle specialità e quei partiti etnici che intendono aumentare immeritati privilegi come nella legge elettorale nonché istituzionali. Emblematico il riferimento fatto poco fa all'uscita delle consultazione dalle minoranze relative alla riforma del titolo V dalla quale vorrebbero essere esentati , magari proprio su materie strategiche nazionali come l'energia. Matteo stia attento , serve vera discontinuità altrimenti perché Letta é stato mandato a casa?".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...