La colazione sana e abbondante è l'anti-peso, ma quali cibi evitare

18 luglio 2017 ore 23:59, Americo Mascarucci
Che la colazione sia un pasto essenziale si è detto e scritto più volte, ma ora arriva addirittura la conferma di come una colazione abbondante, che serva da pasto per l'intera giornata aiuti addirittura a perdere peso. Lo ha stabilito un team di ricerca della School of Public Health presso la Loma Linda University (California) e dell'Istituto di medicina clinica e sperimentale di Praga attraverso un'indagine lunga e accurata. Stavolta a validare l'autenticità dei risultati di questo studio il fatto che ad essere coinvolto è un alto numero di persone.
La colazione sana e abbondante è l'anti-peso, ma quali cibi evitare

LO STUDIO 
Gli studiosi, coordinati dall'endocrinologo Gary E. Fraser, hanno coinvolto più di 50.000 persone dai 30 anni in su. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per circa 7 anni nel corso della loro vita. All'inizio sono stati invitati a compilare un questionario, specificando in modo dettagliato le eventuali patologie di cui soffrivano, le abitudini alimentari e il tempo dedicato all'attività fisica. Nel corso del tempo successivamente hanno risposto a dei questionari periodici.
È stato riscontrato che le persone che mangiavano regolarmente due pasti al giorno, includendo anche una colazione equilibrata, erano andati incontro ad una diminuzione dell'indice di massa corporea. 
Coloro che ingrassavano di più erano invece le persone che mangiavano più di tre pasti al giorno, comprese le merende
Inoltre, saltare la cena contribuiva alla perdita di peso, così come lasciar passare 5 o 6 ore tra colazione e pranzo, astenendosi da snack. Infine, anche tra persone over 60 anni, chi faceva della prima colazione il pasto principale tendeva ad evitare il guadagno di peso tipico di questa fascia di età.

COSA MANGIARE 
La colazione deve avere le stesse caratteristiche degli altri pasti della giornata, ossia deve essere un connubio tra carboidrati semplici e complessi, proteine, grassi e fibre.
Vanno privilegiati pane, fette biscottate o biscotti secchi integrali, alimenti a basso contenuto di zuccheri, di sale e di grassi. Da evitare, invece, muesli, corn-flakes e gallette di riso, mais e farro, ma anche altri cereali, perché hanno un elevato indice glicemico e favoriscono l’aumento di peso. Accompagnare i carboidrati con un tè o una tisana non zuccherati. Necessario poi associare sempre una componente proteica, rappresentata dallo yogurt magro bianco o dallo yogurt greco (più ricco di proteine), che apportano anche una quantità controllata di grassi. Chi lo tollera e lo gradisce può utilizzare il latte scremato. Chi invece vuole optare per l’alternativa vegetale può scegliere tra il latte di avena, di quinoa, di amaranto o di farro. Chi invece non vuole assumere latticini può utilizzare gli albumi dell’uovo, facendoli strapazzare in padella per pochi minuti.
Un’altra valida alternativa è quella di consumare 2-3 noci o mandorle, che rappresentano una incredibile fonte di acidi grassi insaturi.
È preferibile anche mangiare un frutto, magari un kiwi, una mela o una pera, o ancora meglio un frutto di stagione. Concessa anche la spremuta fatta in casa, purché sia consumata appena preparata e non zuccherata. È, però, preferibile la frutta da tagliare e masticare al momento, perché garantisce una maggiore sazietà. Evitare marmellata, creme e altri prodotti simili. 

#colazione #abbondante #sana
caricamento in corso...
caricamento in corso...