La versione del regista Caton-Jones: "Perché fu scelta Asia Argento e bocciata la mia attrice"

18 ottobre 2017 ore 16:13, Micaela Del Monte
"Attrice protagonista 'scopabile'" sarebbe stato questo il motivo per cui nel 1998 Michael Caton-Jones fu licenziato dal film ‘B.Monkey’. Le divergenze non erano creative e a cacciare il regista fu proprio Harvey Winstein, produttore della pellicola, perché la scelta di Caton-Jones non avrebbe soddisfatto le sue "esigenze". L'attrice scelta dal regista, Sophie Okonedo, venne quindi fatta fuori così come Caton-Jones e al suo posto indovinate chi sarebbe stata scelta? Asia Argento.

La versione del regista Caton-Jones: 'Perché fu scelta Asia Argento e bocciata la mia attrice'
Già in quegli anni il regista "mancato" accusò la linea adottata dal produttore ora dentro l'occhio del ciclone dopo le accuse di stupro e abusi ricevute negli ultimi giorni. Caton-Jones raccontava che quando conobbe Weinstein, nel 1989, il produttore si faceva vedere sui set solo si giravano le scene di sesso. Quasi dieci anni dopo Caton-Jones rincontrò di nuovo Weinstein per ‘B. Monkey’, e, dopo molti provini, il regista scelse Sophie Okonedo: "L’accordo era che la protagonista dovesse essere una sconosciuta. Provinammo un centinaio di ragazze e alla fine decisi che Sophie sarebbe stata perfetta per la parte".

"Harvey continuava a dirmi 'Pensi che sia scopabile?'. Quello era sempre al centro della questione. Gli ho risposto 'Harvey, è la migliore attrice per la parte'. E iniziammo a discutere. E' stato solo quando gli ho detto 'Non rovinare il casting di questo film perché vuoi andarci a letto' che ha perso le staffe" ha raccontato il regista che decise quindi di lasciare il film. "Ero furioso…dissi alla rivista che non sceglievo il cast a seconda dell’erezione di Weinstein. Risposero con una risata".
 
La versione del regista Caton-Jones: 'Perché fu scelta Asia Argento e bocciata la mia attrice'
A confermare la storia di Caton-Jones sarebbe stata proprio Asia Argento che al “New Yorker” ha raccontato che dopo l’aggressione iniziale in Francia, proprio nel periodo in cui stava per essere distribuito ‘B. Monkey’, si arrese a Weinstein ed ebbe una relazione sessuale consensuale con lui nei successivi cinque anni. Sentiva di dover fare sesso con lui, altrimenti avrebbe fatto deragliare la sua carriera.
 
Continua Caton-Jones: "Fui l’unico stupido che si alzò e lo mandò al diavolo. Lo mandai affanculo ed ottenni il sostegno di tanta gente per averlo fatto. Ma non feci il film, perciò vinse lui". Molta gente ha dichiarato pubblicamente di non sapere nulla delle molestie: "Chi non lo sapeva, non voleva saperlo. E’ come la Germania durante la Seconda Guerra Mondiale: mai vista così tanta gente ignara. Bastava passare cinque minuti con Harvey per capire la sua natura. Non era uno che tentava di nasconderla".
caricamento in corso...
caricamento in corso...