Influnet misura influenza giunta in anticipo: Natale e Capodanno rovinati a 439mila italiani

02 gennaio 2017 ore 16:00, Americo Mascarucci
L’influenza a Natale non è andata purtroppo in vacanza, anzi è sembrata privilegiare proprio il periodo delle festività per colpire di più.
Tanti infatti gli italiani che hanno dovuto rinunciare a trascorrere il Natale con i parenti spostandosi da una città all’altra o che hanno dovuto annullare il veglione di Capodanno.
Secondo i dati dell’osservatorio epidemiologico Influnet, il livello di incidenza in Italia è pari a 7,23 casi per mille assistiti. 
Piemonte, Val d’Aosta, Trentino, Emilia-Romagna, Marche e Campania risulterebbero  le Regioni maggiormente colpite. 
La fascia di età più esposta è quella dei bambini al di sotto dei cinque anni in cui si osserva un’incidenza pari a circa 21,10 casi per mille assistiti e quella tra 5 e 14 anni pari a 13,51. Il numero di casi stimati nell’ultima settimana di dicembre è pari a circa 439.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 1.330.000 casi.

Influnet misura influenza giunta in anticipo: Natale e Capodanno rovinati a 439mila italiani
La fascia degli anziani (65+), seppur nel giro di una settimana abbia registrato un raddoppiarsi del tasso di incidenza, resta quella più bassa con un valore di 16 casi ogni 10.000 abitanti.
 Rispetto alle stagioni precedenti, sembra esserci un anticipo dell'incremento dell'incidenza simile solo alla stagione 2014-15 che aveva avuto un andamento anomalo, con un picco anticipata ed un'intensità più prolungata. Nelle prossime settimane si potrà valutare il comportamento della stagione attuale.
La sorveglianza delle forme gravi, appena avviata, ha finora fatto registrare tre casi di polmonite in anziani con patologie pregresse.

caricamento in corso...
caricamento in corso...