Marito e moglie muoiono nel fiume Orta: il selfie è solo una pista

02 maggio 2017 ore 15:24, Andrea De Angelis
Morti per un selfie. I giornali titolano così. Due persone sono morte ieri pomeriggio, primo maggio, cadendo nelle acque del fiume Orta, a Caramanico Terme, in località San Tommaso, in provincia di Pescara. A lanciare l’allarme, intorno alle 17, sono stati alcuni testimoni che le hanno viste scivolare. Una fine tragica, che però in rete e sui social è rimbalzata in maniera leggera, quasi accusatoria. Puntare il dito contro chi ha perso la vita non va mai bene, specialmente senza conoscere i fatti. Giudicare, insomma, è da irresponsabili in simili contesti (e non solo). Una pagina di cronaca nera che piomba in un giorno di festa per Italia e lascia tutti con l'amaro in bocca. 

Marito e moglie muoiono nel fiume Orta: il selfie è solo una pista
LA TRAGICA FINE
Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Pescara, i sanitari del 118 di Pescara e L’Aquila, gli operatori del Corpo nazionale del Soccorso Alpino e speleologico (Cnsas) e i Carabinieri della compagnia di Popoli (Pescara), con l’ausilio di alcuni elicotteri. Le due vittime sono marito e moglie, entrambi trentenni, che si erano recati in gita nella zona. Lasciano due figli piccoli. Secondo le prime testimonianze, la donna sarebbe caduta per prima, l’uomo successivamente nel tentativo di soccorrerla. Non è possibile confermare, al momento, la notizia che i due si stessero facendo un selfie sul bordo di un canyon.

I CARABINIERI
I Carabinieri Forestali e quelli della Compagnia di Popoli sono al lavoro, come detto, per ricostruire la dinamica dell'incidente. Dalle testimonianze fino ad ora raccolte non è emerso, così come riporta puntualmente TgCom24, se la coppia si sia allontanata per scattare delle foto, un selfie o semplicemente per guardare le rapide da vicino. I Carabinieri stanno ascoltando le persone presenti sul posto al momento dell'incidente. Conclusa all'ospedale di Chieti la ricognizione cadaverica sui corpi dei 32enni, le salme, scrive sempre il noto quotidiano online, dovrebbero essere riconsegnate alle famiglie.

IL CORDOGLIO DI SCERNI
"Un lutto gravissimo che colpisce tutta la comunità", ha commentato il sindaco di Scerni, il paese in provincia di Chieti dove abitavano i due coniugi. I carabinieri della compagnia di Popoli (Pescara) e i forestali stanno ricostruendo l’esatta dinamica dell’incidente, avvenuto in una zona caratterizzata da canyon e rapide. Zone che possono risultare particolarmente scivolose. Scerni (Scìrne in dialetto abruzzese) è un comune italiano di 3.318 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana Medio Vastese. L'Orta, lo ricordiamo, è un affluente di destra del fiume Pescara che a sua volta sfocia nel mare Adriatico.

#orta #selfie #cronacanera 


caricamento in corso...
caricamento in corso...