Apple acquista RealFace per riconoscimento volti anti-password

20 febbraio 2017 ore 16:45, Micaela Del Monte
Le indiscrezioni sull'inserimento di uno scanner 3D nel nuovo iPhone 8 aveva già fatto pensare ad un'avvicinamento di Apple al riconoscimento facciale, ora l'acquisizione di RealFace, società israeliana specializzata in riconoscimento facciale, sicurezza e machine learning, ne ha data la conferma. La notizia non è stata al momento confermata da Cupertino, sebbene la stampa internazionale abbia già reso noti i termini dell’accordo: l’operazione si sarebbe conclusa per 2 milioni di dollari.

Apple acquista RealFace per riconoscimento volti anti-password
Il sito web di RealFace è offline in queste ore, ma in base al materiale trovato online la startup israeliana ha sviluppato una tecnologia di riconoscimento facciale unica che integra l'intelligenza artificiale e "riporta la percezione umana nei processi digitali". Secondo la società, il suo software utilizza una tecnologia proprietaria che permette il riconoscimento facciale direttamente su dispositivi anche poco potenti, come un iPhone. Questa tecnologia potrebbe entrare nel meccanismo di sblocco e di sicurezza dei prossimi iPhone, accanto al sistema attualmente basato sulle impronte digitali. Apple già impiega software simili per la sua app Foto, ma stando ai "rumors" sugli iPhone di prossima generazione la tecnologia di riconoscimento facciale potrebbe diventare uno dei nuovi sistemi di autenticazione degli utenti. Di qui l'esigenza di dotarsi di tecnologie sempre più sofisticate e avanzate.

Apple sarebbe quindi davvero intenzionata a rimuovere qualsiasi pulsante fisico dalla superficie frontale dei device e, per farlo, starebbe vagliando due opzioni: la scansione ottica anziché capacitiva delle impronte, poggiando le dita su una “Function Area” dello schermo, oppure il mapping 3D tramite la fotocamera frontale dello smartphone. Le password avranno quindi vita breve e la nostra memoria ci ringrazierà.

caricamento in corso...
caricamento in corso...