Aifa, stroncata equivalenza terapeutica: "Serve ridefinizione conforme"

21 dicembre 2016 ore 16:59, Micaela Del Monte
L'Aifa revoca la delibera 458 sull’equivalenza terapeutica varata nel marzo scorso per consentire alle Regioni gare di acquisto tra farmaci basati su molecole differenti. La determina, la cui applicazione è stata sempre prorogata in seguito alle molte polemiche suscitate dalla misura, viene così così definitivamente archiviata. L’Aifa segnala che è “opportuno provvedere ad una ridefinizione della procedura di applicazione rendendola conforme, mediante la definizione di criteri quanto più possibili oggettivi, anche in relazione alle nuove norme introdotte dalla legge di bilancio 2017”.
Aifa, stroncata equivalenza terapeutica: 'Serve ridefinizione conforme'
Alla sua prima uscita la determina era stata accolta negativamente tanto dai medici di famiglia della Fimmg quanto da Federanziani e Federfarma. Le tre organizzazioni, in particolare, avevano espresso forti preoccupazioni per le ricadute del provvedimento sulla continuità delle cure per i malati cronici, che avrebbero rischiato di vedersi cambiare il farmaco in base agli esiti delle diverse gare regionali. "Accogliamo con soddisfazione la scelta dell’Aifa di rinunciare a quella determina" è stato il commento della presidente di Federfarma, Annarosa Racca "gli ultimi dati sulla spesa farmaceutica del Ssn confermano una volta di più che il governo del farmaco si assicura con un oculato riequilibrio dei tre canali distributivi – farmacie del territorio, Asl e ospedali – sulla spinta dei nuovi tetti introdotti dalla Manovra".
caricamento in corso...
caricamento in corso...