Non è la prima volta che Daniel Day-Lewis si vuole ritirare dalle scene

21 giugno 2017 ore 11:40, Stefano Ursi
Come un fulmine a ciel sereno. O quasi, perchè non è la prima volta. L'attore inglese Daniel Day-Lewis ha annunciato tramite il suo portavoce a ''Variety'' che si ritira dalle scene. Così si legge sulla rivista: "Daniel Day-Lewis non lavorerà più come attore. È immensamente grato a tutti i suoi collaboratori e al pubblico nel corso degli anni. Questa è una decisione privata e né lui né i suoi rappresentanti faranno ulteriori commenti su questo argomento''. L'ultima pellicola in cui lo vedremo, si apprende, sarà ''Phantom Thread'' che uscirà sul grande schermo a Dicembre. Come detto sopra, comunque, l'annuncio di ritiro da parte di Day-Lewis non è il primo.

Non è la prima volta che Daniel Day-Lewis si vuole ritirare dalle scene
da Youtube - Oscars Channel
Alla fine degli anni '90, quando disse di non voler più recitare, raccontano le cronache che fu il regista Martin Scorsese a farlo tornare sui suoi passi. La carriera dell'oggi sessantenne attore britannico è luminosissima, visto che è l'unico attore ad aver vinto tre premi oscar, per ''Il mio piede sinistro'', ''Il petroliere'' e ''Lincoln''. Ma non solo queste le pellicole di grande successo e di grande qualità per Daniel Day-Lewis; ha recitato in maniera straordinaria anche in ''Nel nome del padre'', ''L'ultimo dei Mohicani'', ''L'età dell'innocenza'' e ''Gangs of New York'', film che ha segnato il suo ritorno sulle scene dopo il primo temporaneo ritiro. Daniel Day-Lewis nasce a Londra il 29 aprile del 1957, da Cecil Day Lewis, poeta e scrittore inglese di origini irlandesi, e Jill Balcon, attrice di teatro inglese.

L'esordio al cinema è del 1982 con Gandhi, di Richard Attenborough. Su questo ritiro, che almeno per ora pare definitivo, come detto più sopra l'agente dell'attore ha specificato a Variety che non verranno rilasciate altre dichiarazioni né spiegazioni sul perché della decisione di Day-Lewis. Poliedrico e capace di interpretare in maniera straordinariamente eclettica ogni ruolo, Day-Lewis è uno degli attori che negli anni Ottanta e Novanta ha riscosso maggior successo, toccando varie tematiche tutte di grande rilievo come la questione irlandese in ''Nel nome del padre'' o la forza incredibile di un ragazzo paraplegico che riesce, utilizzando solo il piede sinistro, a diventare un famoso pittore e scrittore. O ''L'ultimo dei Mohicani'' in cui si narrano le vicende drammatiche della guerra franco-indiana nel 1757 per prendersi le colonie del Nord America.

#danieldaylewis #ritiro #cinema #attore
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...