Eligia Ardita, uccisa perché all'ottavo mese preferiva non uscire di casa

21 settembre 2015, intelligo
Eligia Ardita, infermiera di 35 anni, all'ottavo mese di gravidanza, sarebbe morta durante una lite con il marito nata perché la donna gli aveva chiesto di non uscire dopo cena per raggiungere gli amici e restare in casa con lei. Lo riporta l'Ansa.

Eligia Ardita, uccisa perché all'ottavo mese preferiva non uscire di casa
Christian Leonardi, 40 anni, disoccupato, ieri avrebbe confessato il delitto
avvenuto a Siracusa lo scorso 19 gennaio.

Per otto mesi l'uomo ha mentito e denunciato ai carabinieri il ritardo nei soccorsi, come riporta sempre la nota agenzia, ricordando che a causa della denuncia quattro sanitari erano stati indagati.

I Ris di Messina hanno fatto il loro ingresso nella casa dove vivevano Eligia Ardita e il marito dove avrebbero trovato tracce di vomito sui muri dell'abitazione e altri indizi di un durissimo litigio, come riporta il sito BlastingNews.it.
La donna sarebbe dunque morta in seguito alle forti percosse subite dal marito, che ha tentato anche di occultare la sua saliva, come confermato dal suo legale. "Confermo che c'è stato un litigio tra i due coniugi prima che Eligia Ardita venisse uccisa: Christian Leonardi ha poi cercato di nascondere alcuni indizi che lo avrebbero inchiodato", ha rivelato l'avvocato del marito della povera infermiera. 

Sembra, inoltre, che la relazione tra i due fosse finita da tempo e che la vittima avesse scoperto una nuova relazione del marito. Anche per questo, forse, i litigi poi sfociati nella violenza. 

ada
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...