Acer lancia "Predator" in doppia versione per i videogamers, più realtà virtuale nel menu tech

22 aprile 2016 ore 13:25, Americo Mascarucci
Acer rinnova la sua linea dedicata agli appassionati di videogame con un nuovo notebook, il Predator 17 X, e il desktop compatto Predator G1 per supportare agilmente visori e dispositivi pensati per la realtà virtuale, come Oculus e HTC Vive. 
Il computer portatile Acer Predator 17X viene fornito con uno schermo da 17,3 pollici che può arrivare ad una risoluzione 4K. Riguardo la personalizzazione, è possibile scegliere tra un processore Intel Core i7-6820HK, 64GB di RAM DDR4 e tre SSD in RAID 0 per avere la massima velocità di trasferimento dei dati.
Il nuovo notebook Predator 17 X (così come il desktop Predator G1), grazie al suo equipaggiamento hardware, è già VR-Ready quindi compatibile con dispositivi come Oculus, HTC Vive, OSVR e StarVR per la realtà virtuale. Non sarà economico visto che costerà 2999 euro (prezzo base) quando sarà disponibile da luglio in alcuni selezionati punti vendita. 

Acer lancia 'Predator' in doppia versione per i videogamers, più realtà virtuale nel menu tech
Il computer desktop Predator G1 è dotato di specifiche tecniche pensate non solo per i videogiochi più ricchi di prestazioni ma anche per chi si sta appassionando alla realtà virtuale. Il computer viene dotato di processore Intel di sesta generazione, scheda Nvidia Titan X e memoria RAM fino a 64 GB DDR4. E' possibile scegliere tra opzioni di memoria SSD da 512GB o HDD da 4TB. Il G1, compatibile G-Sync. Riguardo prezzi e disponibilità, Acer lancerà Predator G1 con prezzi da 1.999 euro in Europa dal mese di giugno, e in Nord America e in Cina dal mese di luglio. 
"Il Predator 17 X e il Predator G1 sono VR Ready addirittura su quattro diversi standard - rivela Massimo D'Angelo, Vice presidente di Acer Emea -. La gamma Predator nasce per un utente, l'hard gamer, che non vuole compromessi in termini di prestazioni. I nostri prodotti sono stabili e affidabili da un punto di vista termico, e sono in grado di gestire gli sforzi enormi richiesti dalla realtà virtuale. Entrambi offrono potenza in mobilità, ma questo non vuol dire che il desktop G1 diventerà sempre più piccolo, che le loro strade insomma convergeranno. In tanti anni di carriera in Acer (D'Angelo è nel settore dal 1989) ho imparato che l'innovazione non consiste nel far sparire qualcosa ma nell'arricchire i prodotti esistenti".
caricamento in corso...
caricamento in corso...