Pugni nello stomaco, schiaffi e calci ai bambini: maestra choc sospesa a Crotone

22 dicembre 2016 ore 16:14, Americo Mascarucci
Un pugno nello stomaco assestato ad un bambino che faceva i capricci durante le prove della recita natalizia.
Sarebbe soltanto l'ultimo episodio in ordine di tempo che ha portato la Polizia di Stato di Crotone a notificare un provvedimento di sospensione ad una maestra crotonese di una scuola materna.
La donna, secondo l’accusa, si sarebbe resa protagonista di una serie di violenze ai danni dei bambini che frequentano la scuola.
Tutto sarebbe nato da alcune denunce presentate dai genitori che avevano accusato la maestra di mettere in atto condotte vessatorie di natura fisica e psicologica nei confronti dei piccoli. 
Vessazioni che sarebbero iniziate già nei primi giorni dell'anno scolastico e che avrebbero portato i bimbi a non voler più andare a scuola, a svegliarsi con gli incubi durante la notte e a mostrarsi nervosi nei confronti dei genitori che li accompagnavano all'asilo.
Poi sarebbero iniziati i racconti delle violenze sulle mani, gli schiaffi alla nuca e sul viso, perpetrate dalla maestra durante gli orari in cui era in classe.
Pugni nello stomaco, schiaffi e calci ai bambini: maestra choc sospesa a Crotone

I poliziotti, attraverso servizi di intercettazione ambientale, in particolare conversazioni e comunicazioni audio-video, avrebbero accertato la sussistenza delle accuse, ben documentate sembra dai filmati delle telecamere nascoste nell'aula.  
Dalle immagine riprese si vedrebbe la maestra colpire ripetutamente gli alunni con schiaffi alla nuca ed in pieno volto, percuotendoli più volte alle gambe, afferrandoli con violenza e tirandoli con forza dalla sedia fino a farli cadere a terra. 
A ciò pare si aggiungessero anche altre punizioni come il dover rimanere in piedi per ore.
Infine in più occasioni si vedrebbe la maestra strappare le merende dalle mani dei bimbi e gettarle nel  cestino.
Gravi indizi di colpevolezza dunque che hanno portato alla sospensione dell'insegnante. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...