Procuratori sportivi in rivolta contro la Figc

22 maggio 2015, Andrea Barcariol
Procuratori sportivi in rivolta contro la Figc
Chiedono l’annullamento del nuovo regolamento per i servizi di procuratore sportivo, entrato in vigore lo scorso 1° aprile. Per questo la Iafa (Italian Association of Football Agents) si è rivolta al Tar del Lazio.

“Questo atto si è reso necessario per tutelare la professionalità di quanti trovano illegittimo e incoerente il provvedimento di deregulation approvato dalla Figc – spiega l’IAFA - L’atto mina fortemente la dignità personale degli iscritti e apre pesantemente le porte ad un’attività incontrollata che, senza alcun filtro qualitativo, potrebbe diventare un canale per episodi illeciti, alcuni dei quali anche piuttosto recenti, che andrebbero a minare ancor di più il sistema calcio”.

Al Tar del Lazio è stata iscritta a ruolo l’impugnativa, il prossimo passo sarà la data di fissazione della Camera di Consiglio per la sospensiva da parte del giudice amministrativo.
caricamento in corso...
caricamento in corso...