Lo smog accelera il declino cognitivo

23 giugno 2014 ore 13:13, intelligo
La nebbia velenosa, con alte concentrazioni di sostanze tossiche, non solo contamina l'aria ma accelera pure il declino cognitivo dell'età anziani. Già precedenti studi avevano mostrato le conseguenze negative dello smog sul cervello, ma ora emergono nuove sfaccettature grazie a uno studio condotto dalla University of Southern California e pubblicato su The Journals of Gerontology Series. Gli esperti hanno considerato dati su 780 partecipanti di 55 anni o più anziani all'inizio dello studio. Le loro funzioni cognitive sono state misurate attraverso una serie di test di varo tipo, questi dati sono stati incrociati con le informazioni sui livelli di inquinamento atmosferico nel quartiere di residenza di ciascun soggetto. Il team di ricerca ha scoperto che le concentrazioni medie di smog nei quartieri di residenza erano pari a 13,8 microgrammi per metro cubo di aria, ovvero sopra la soglia stabilita dagli organi regolatori ambientali statunitensi come standard di qualità dell'aria che è pari a 12 microgrammi. È emerso, inoltre, che più inquinato era il quartiere di residenza di ciascuno, maggiore era il numero di errori totalizzato ai test.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...