Siccità, contro stato d'emergenza Coldiretti: "Riserve con cave dismesse"

23 giugno 2017 ore 14:26, intelligo
E' emergenza siccità e il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti convoca un vertice straordinario a Piacenza alle 17 in Prefettura: si tratta di una riunione straordinaria dell'Osservatorio permanente del Distretto Padano per un punto della situazione sul problema Siccità in Italia e sulle relative iniziative in campo sul fronte dell'emergenza e della programmazione. Proprio per il territorio delle Provincia di Piacenza e di Parma il Consiglio dei Ministri ha deliberato ieri la dichiarazione dello stato di emergenza.
Siccità, contro stato d'emergenza Coldiretti: 'Riserve con cave dismesse'
PROPOSTA COLDIRETTI:  A fornire dati aggiuntivi al già chiaro allarme siccità, il monitoraggio della Coldiretti sulla Lombardia. Il lago Maggiore è sotto di 40 centimetri rispetto ai livelli dell'anno scorso, al lago di Como ne mancano 35 rispetto allo stesso periodo del 2016, mentre il Po questa mattina è sceso fino 3 metri sotto lo zero idrometrico al Ponte della Becca a Pavia. 
"Questo inverno abbiamo avuto l'80 per cento di piogge in meno, la primavera non è andata molto meglio e l'estate sembra iniziata male dal punto di vista delle acque - spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia - e la situazione potrebbe peggiorare ancora se non dovesse piovere in maniera costante nei prossimi giorni e settimane. 
La notizia cattiva è che i bollettini meteo dei prossimi 15 giorni prevedono una fase di perturbazione a partire da lunedì 26 giugno sino a giovedì 29 giugno con precipitazioni consistenti che potrebbero anche raggiungere le zone pianeggianti. "Se così non fosse e se dovesse perdurare la situazione di criticità - dice Alessandro Folli, che presiede l'Unione regionale dei Consorzi - l'ANBI lombardo è pronto a chiedere al Presidente della Regione Maroni e all'assessore Beccalossi lo stato di calamità". In attesa di sapere come si comporterà il meteo - afferma Coldiretti Lombardia - è necessario iniziare a ragionare sulla creazione di riserve strategiche di acqua, come già esistono quelle di gas e petrolio. "Usando solo il 10% di tutte le cave dismesse presenti in regione - spiega Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia - si potrebbero creare bacini per 90 milioni di metri cubi di acqua, una misura pari alla metà di tutto il Lago di Como oppure a quasi una volta e mezzo quello di Iseo. Riusciremmo a garantire l'acqua ai campi anche nei momenti di maggiore difficoltà estiva e potremmo recuperare dal punto di vista ambientale diverse aree della nostra regione, creando anche posti di lavoro". In Lombardia la provincia con il maggior numero di cave dismesse è Pavia. 

PROTESTE: Intanto la Coldiretti in Sardegna scende in piazza insieme ai pastori e chiede interventi urgenti per garantire la sopravvivenza delle aziende messa anche a rischio dai prezzi troppo bassi pagati in campagna. "A giugno nella prima decade - sottolinea la confederazione nazionale dei coltivatori - in Sardegna è caduto il 40% di pioggia in meno con temperature superiori di 1,8 gradi la media del periodo, dopo mesi praticamente a secco: maggio (-95%), aprile (-71%) e marzo (-73%) secondo elaborazioni su dati Ucea. Il risultato - conclude la Coldiretti - è la perdita del 40% delle produzioni agricole con la dichiarazione dello stato di emergenza per l’Isola".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...