Obbligo di dimora per il nonno di Fortuna arrestato per prostituzione

23 ottobre 2017 ore 13:41, Luca Lippi
Una presunta organizzazione nel casertano avrebbe messo su un giro di prostituzione. Nel giro pare fosse ampia la scelta, prostitute e trans sarebbero state le accoglienti ancelle di clienti reclutati attraverso una bacheca online di incontri. Il numero totale dei presunti organizzatori della rete di prostituzione sarebbero tre secondo quanto emerge dalle indagini. Tra loro ci sarebbe anche il nonno di Fortuna Loffredo. Fortuna Loffredo, ricordiamo, è la bambina uccisa  al Parco Verde di Caivano, un fatto di cronaca della primavera scorsa. L’accusa per tutti sarebbe di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione.
Obbligo di dimora per il nonno di Fortuna arrestato per prostituzione
 
L’AZIONE DEI CARABINIERI
I militari dell’arma erano sulle tracce dell’organizzazione già da gennaio, quando con un blitz in una casa di appuntamenti di Casagiove, pare abbiano scoperchiato (grazie alla testimonianza di una delle donne caduta nella rete, una vera e propria organizzazione dedita alla prostituzione. Quest’ultima, pare si facesse carico di offrire alloggi in affitto alle ragazze dietro compensi assolutamente fuori mercato, e gestiva per le prostitute e per i trans direttamente l’agenda  degli appuntamenti facendosi carico delle utenze e provvedendo a mantenere il decoro degli alloggi dove le vittime operavano.

IL NONNO DI FORTUNA
Vincenzo Guardato, invece, sempre secondo gli inquirenti, era preposto alla gestione e aalla cura delle necessità primarie delle prostitute e dei trans. Sempre scondi la nota accusatoria, pare curasse le esigenze delle ragazze fino all’assistenza negli spostamenti. Nell’inchiesta sono finite anche diverse persone risultanti affittuari fittizzi degli appartamenti doce operavano le prostitute e i trans al soldo della presunta organizzazione. Gli appartamenti individuati sono tutti doslocati tra Caserta, Casapulla e San Nicola La Strada.
Il nonno di Fortuna, allo stato attuale, pare si stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere.

#Nonnodi Fortuna #Blitz #VincenzoGuardato #Casagiove

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...