Tragedia: fanno evoluzioni in acqua, figlio uccide padre con motoscafo

24 agosto 2017 ore 17:57, intelligo
Una tragedia inaspettata quella che è successa sul mare di Ventimiglia dove un uomo è morto a bordo del suo acquascooter ucciso dal figlio alla guida di un motoscafo. Secondo le prime ricostruzioni Sergio Di Giuliantonio, 56 anni stava facendo delle “evoluzioni” in acqua, davanti alla costa di Ventimiglia, con vista sulla Costa Azzurra mentre il figlio Andrea, 20 anni, guidava un piccolo motoscafo. 
Tragedia: fanno evoluzioni in acqua, figlio uccide padre con motoscafo
LA TRAGEDIA
Doveva essere una gita normale di famiglia che però è finita in tragedia. Il padre infatti è caduto in acqua ed è morto finendo sotto il mezzo guidato dal figlio, che purtroppo non è riuscito ad evitarlo. L’uomo è un noto imprenditore, il figlio che ha studiato al liceo Aprosio di Ventimiglia, è iscritto al Politecnico di Torino. Sono residenti a San Biagio della Cima, un paese alle spalle di Vallecrosia, conosciuto per le rose e per il vino Rossese. A nulla sono poi valsi i rapidi soccorsi prestati dal personale della Croce Rossa, dall'automedica e dai Vigili del Fuoco. L'uomo è morto sul colpo. «Dalla prima ricostruzione, pare che i due stessero facendo evoluzioni sulle onde e che la moto d’acqua stesse cercando di sorpassare la piccola imbarcazione», spiega Vincenzo Fronte, comandante della Capitaneria di porto di Sanremo. Qualcosa è andato storto: «L’uomo è caduto in acqua ed è finito sotto al motoscafo», continua Fronte.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...