Fedeli (Valeria) solo a se stessa. Parole choc sul Family Day: "Piazza violenta"

24 giugno 2015, intelligo
Fedeli (Valeria) solo a se stessa. Parole choc sul Family Day: 'Piazza violenta'
Sarà che è la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli, ma quelle parole non le fanno troppo onore e colpiscono non poco. 

Fino alle opinioni, tutto ok. 

Ma dire come ha fatto, video-intervistata dal Fatto Quotidiano, che ha "visto un linguaggio da parte di insegnati, educatori e genitori che non mi aspettavo, è stata una piazza violenta quella del Family Day“ non è solo usare parole che si potrebbero definire anti-democratiche, in quanto quella piazza è fatta di persone e famiglie che hanno il diritto costituzionale di manifestare ed esprimere il proprio pensiero, e usarle male?

Forse è di questa opinione perché è firmataria del disegno di legge dell’identità di genere nelle scuole al centro delle contestazioni, oltre al testo della Cirinnà sulle unioni civili? 

Sono passati i tempi in cui un vice-presidente del Senato, una delle cariche più alte istituzionali, ricopriva quel ruolo sapendo di rappresentare tutti, anche quelli che gli stavano per così dire antipatici? 

“Il mio provvedimento – ha continuato non contenta– vuole difendere nella loro unicità tutti i bambini e le bambine con l’introduzione nei vari livelli di istruzione della parità di genere. Tutto questo significa educare alle differenze e alla non violenza”.

Va bene Fedeli, non crede alla ‘Teoria Gender‘, ma non le sembra un po' troppo indirizzare alla politica e alla gente che non la pensa come lei questa domanda: “Di chi è poi la responsabilità quando un ragazzo si suicida perché  viene accettato? 



(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...