Come Pokémon Go è diventato un lavoro a minimo 30€ al giorno

24 luglio 2016 ore 11:13, Luca Lippi
Le strade di tutto il mondo sono state invase dal nuovo (ormai neanche troppo) fenomeno ludico, stiamo scrivendo del Pokémon Go.
Cos’è il Pokémon Go? 
Pokémon GO è un’applicazione disponibile per smartphone Android e iOS che sfrutta la tecnologia della realtà aumentata. Fare il download di Pokemon GO è molto semplice, in quanto l’app è disponibile gratuitamente negli store degli smartphone Android e iOS.
Grazie al supporto del GPS e della realtà aumentata i giocatori si trasformano inallenatori di Pokémon virtuali e devono andare in giro per la città cercando di catturare Pokémon, conquistare palestre e guadagnare soldi per le Poké Ball.
Insomma, se siete dei fan dei Pokémon e non vi siete persi una puntata del famoso cartone animato trasmesso in TV alla fine degli anni 90, sapete di cosa stiamo parlando.
Il nuovo Pokemon GO permette al giocatore di catturare i Pokémon esplorando dei luoghi reali. Infatti, nell’applicazione viene mostrata una mappa dei luoghi che circondano il giocatore, e non appena comparirà un Pokémon o un PokéStop nelle vicinanze, verrà avvisato dallo smartphone che comincerà a vibrare e ad illuminarsi.
Di giochi dedicati ai Pokémon ce ne sono molti, ma Pokémon GO è decisamente il più rivoluzionario.
Per la prima volta infatti gli appassionati del cartone giapponese possono esplorare il mondo reale alla ricerca di Pokemon. Nel dettaglio, gli utenti potranno catturare tutte le 151 specie di Pokemon della prima edizione, ma siamo sicuri che non appena l’interesse intorno all’applicazione calerà leggermente, Nintendo e Niantic rilasceranno un aggiornamento con cui verranno introdotti anche i simpatici animaletti delle generazioni successive.
La caccia ai mostriciattoli Nintendo ha riempito le strade di tutto il mondo, ma è obiettivamente difficile riuscire a prenderli tutti: bisogna avere tempo a disposizione, voglia di camminare e molta intraprendenza per trovare quelli più rari.
Come fare, quindi, a salire di livello quando gli impegni quotidiani riempiono le giornate e non si ha tempo nemmeno per una breve passeggiata?
ProntoPro.it, portale che mette in contatto domanda e offerta di lavoro professionale e artigianale, ha lanciato oggi il primo servizio nazionale di gioco Pokémon Go.

Come Pokémon Go è diventato un lavoro a minimo 30€ al giorno

Come lavorare con Pokémon GO?
In pratica, è possibile pagare qualcuno per giocare per voi, fino a 2 ore alla volta, per catturare nuovi Pokémon, farvi salire di livello attraverso le battaglie in palestra, covare le uova Pokémon o conquistare una Poké Gym nemica. Per trovare gli allenatori basterà digitare “Pokémon” nella barra di ricerca del portale e compilare il form rispondendo alle domande sulla base delle proprie esigenze di gioco.
Ha dichiarato Marco Ogliengo, amministratore delegato di ProntoPro.it:  “Pokémon Go, fin dal suo lancio, è stato un successo incredibile qui in Italia, e la filosofia della nostra piattaforma è di accogliere il mondo dei servizi nella loro totalità. Il fenomeno Pokémon Go sta creando il bisogno di figure nuove, cui abbiamo deciso di rispondere immediatamente, anche su richiesta dei nostri utenti”.
Molti gli appassionati di videogame in tutta Italia che, approfittando delle vacanze estive, hanno deciso di mettere a disposizione il proprio tempo libero e le proprie competenze a vantaggio di chi non ne ha, magari anche quella di deventare cacciatore di Pokémon professionista.
Per permettere agli allenatori esperti di giocare, il cliente potrà scegliere se prestare il proprio cellulare o condividere i dettagli del proprio accesso a Gmail.
In entrambi i casi, ProntoPro.it suggerisce di prendere le dovute precauzioni, come ad esempio quella di farsi consegnare i documenti dell’allenatore che saranno restituiti alla fine della passeggiata.
Prezzo?
2 ore di gioco costano in media 30 euro!
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...