Roccobarocco in-Corona Fabrizio: è lui il nuovo modello (con pistole)

25 febbraio 2016 ore 18:52, Micaela Del Monte
Questa proprio non ce l'aspettavamo, ma l'operazione può dirsi riuscita. Immaginarlo su una passerella non era forse impossibile, ma che ciò avvenisse non era neanche scontato. Insomma, una sorpresa che sicuramente è piaciuta a chi lo ha sempre sostenuto, specialmente nei momenti più difficili. 

Fabrizio Corona sfila per Roccobarocco. L'ex re dei paparazzi è uscito in passerella con una T-shirt con una stampa di pistole e jeans strappati. Se l'intento era quello di attirare l'attenzione possiamo dire che è perfettamente riuscito. 
"Ci conosciamo da tanto tempo" ha detto lo stilista nel backstage, come riportato dall'Ansa, spiegando perché ha voluto proprio Corona per presentare la collezione femminile del prossimo inverno, che sfila accanto a quella maschile. La collezione uomo prende infatti spunto dal guardaroba femminile con giacche dai revers in raso, effetti lamé e scarpe colorate o con stampe di fiori.

Roccobarocco in-Corona Fabrizio: è lui il nuovo modello (con pistole)
Prosegue dunque la "nuova vita" del noto Fabrizio. Lo scorso dicembre avevamo parlato della sua storia d'amore prendendo spunto da un'intervista dell'attuale partner. "La nostra storia va sempre meglio e spero vada sempre bene così", aveva detto Silvia Provvedi a "Verissimo" in un'intervista dove ha raccontato com'è nato l'amore tra lei e Fabrizio Corona, dai primi incontri di lavoro in comunità, alla passione sbocciata fuori. "Fabrizio sta molto bene. Cerca di vivere in maniera più serena possibile e un po’ più privatamente, circondandosi solo delle persone di cui si fida e cercando di stare fuori dalle tentazioni che potrebbero destabilizzarlo". 
Il nome di Corona, lo ricordiamo, è legato a una serie di indagini effettuate dalla Procura della Repubblica e in particolare figura, assieme a Lele Mora, agente di diversi "VIP" del mondo dello spettacolo successivamente prosciolto dalle accuse a suo carico come principale co-indagato nella indagine-scandalo denominata "Vallettopoli" per estorsioni ai danni di diversi personaggi del mondo dello spettacolo e dello sport, per le quali la Corte suprema di cassazione lo condanna, in data 18 gennaio 2013, a 13 anni e 2 mesi di reclusione. Il 18 giugno 2015 viene affidato in prova ai servizi sociali presso la comunità Exodus di Don Mazzi dove deve scontare la pena residua di 5 anni.


caricamento in corso...
caricamento in corso...