Autismo e vaccini, non c'è nesso per Cassazione: "E' disturbo dello sviluppo"

25 luglio 2017 ore 15:31, Americo Mascarucci
"Non c'è evidenza di correlazione tra vaccinazioni e malattie". Lo ha sentenziato la Corte di Cassazione, respingendo il ricorso di un genitore di Salerno, che aveva chiesto un risarcimento perché, a suo dire, sottoporre suo figlio alla vaccinazione anti-polio avrebbe contribuito a fargli contrarre una grave encefalopatia che lo ha portato all'autismo. L'uomo chiedeva, come tutore, l'indennizzo al ministero della Salute e alla Regione Campania ai sensi della legge 210 del 1992 sui vaccini, ritenendo che il bambino fosse affetto da encefalopatia immunomediata ad insorgenza post vaccinica con sindrome autistica a causa della terapia vaccinale a lui somministrata.
Autismo e vaccini, non c'è nesso per Cassazione: 'E' disturbo dello sviluppo'

LA SENTENZA 
Il perito nominato dalla Corte d'Appello di Salerno aveva concluso di trovarsi in presenza di una patologia di cui "non è tuttora ipotizzabile una correlazione con alcuna causa nota in termini statisticamente accettabili e probanti" e che "non sussistono ad oggi studi epidemilogici definitivi". 
Su tale conclusione i giudici di Appello avevano fondato la loro decisione. Per la Suprema Corte, infatti, la perizia "dopo aver ripercorso la storia clinica del paziente e la letteratura scientifica sull'argomento parla di una patologia, il disturbo generalizzato dello sviluppo, di cui non è tuttora ipotizzabile una correlazione con alcuna causa nota in termini statisticamente accettabili e probanti". Inoltre, sempre secondo la consulenza richiesta dal tribunale, "vi concorre un possibile ruolo di fattori genetici, mentre non sussistono ad oggi studi epidemiologici definitivi che consentano di porre in correlazione la frequenza dell'autismo con quella della vaccinazione Sabin nella popolazione".
Per di più nel ricorso presentato in Cassazione non ci sono "elementi decisivi" che permettano di confutare la perizia. 
Una sentenza destinata a far discutere ancora di più in un momento storico come quello attuale dove sentenze del genere non possono non alimentare lo scontro fra pro-vax e free-vax nel momento in cui si sta per approvare in via definitiva l'obbligo vaccinale nelle scuole. 

#vaccini #sentenza #autismo

caricamento in corso...
caricamento in corso...