Migranti, Gentiloni fa la (solita) voce grossa: "Tocca alla Ue"

25 ottobre 2016 ore 7:38, Americo Mascarucci
"Nell'emergenza migranti l'Italia fa la sua parte in modo civile, ma non lo possiamo fare da soli". 
Lo ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni mentre, a Fiumicino, accoglieva 75 profughi siriani arrivati da Beirut con il progetto pilota dei "corridoi umanitari". 
Si tratta di un progetto che, nel quadro di un accordo raggiunto a metà dicembre tra Governo italiano, la Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (FCEI) e la Tavola Valdese, prevede l’arrivo in Italia di circa 1.000 rifugiati e persone in condizione di particolare vulnerabilità da Marocco, Libano ed Etiopia nel giro di due anni.
"Questo è anche un messaggio all'Europa - ha aggiunto Gentiloni - Si tratta del quinto gruppo che, da febbraio, arriva in sicurezza e legalità nel nostro Paese per un accordo internazionale. Si può avere una migrazione diversa - ha proseguito Gentiloni - che stronca il traffico degli schiavisti, si deve lavorare per l'accoglienza e il soccorso in mare, ma non si può essere civili in un paese soltanto.
Migranti, Gentiloni fa la (solita) voce grossa: 'Tocca alla Ue'
Quindi se l'Europa non sostiene in tutte le forme possibili questo impegno, credo che neghi se stessa e i propri principi di civiltà". 
Il ministro ha quindi ricordato che l'accoglienza dei profughi a Fiumicino avviene "in un giorno in cui salviamo tantissime persone anche in mare"

Oggi è infatti previsto l'arrivo di oltre quattromila migranti in diversi porti italiani
Circa 4292 migranti giungeranno dopo i salvataggi tra le coste del Nordafrica e quelle siciliane. 
Il mercantile Tanker Okyroe giungerà ad Augusta, con 758 persone; la nave Siem Pilot, con 1.117 migranti e 17 salme è giunta a Palermo; la nave Dignity I, con 552 persone e una salma arriverà a Trapani; la nave Werra giungerà con 857 migranti a Messina; la nave Corsi con 358 migranti arriverà a Crotone; la nave Beckett con 650 migranti giungerà a Pozzallo. La nave Aquarius giungerà domani a Taranto con 520 migranti.
Nel canale di Sicilia in attesa di altri salvataggi restano la nave Dattilo che ha già a bordo 434 migranti, la nave Iuventa con 278 migranti a bordo, la nave Rio Segura con 117 persone raccolte davanti le coste libiche.
A Santa Maria di Leuca sbarcati intanto circa 120 migranti arrivati a bordo di un veliero bialbero in prossimità di Punta Meliso, al largo della costa del Capo di Leuca. 
Il veliero è ancorato a pochi metri dalla scogliera. Sul posto due motovedette della Capitaneria di porto di Gallipoli con il supporto dell'equipaggio di un gommone della Guardia di Finanza.

caricamento in corso...
caricamento in corso...