Orrore in Russia: almeno 30 cadaveri nel freezer dei due cannibali

25 settembre 2017 ore 17:33, Luca Lippi
Orrore in Russia: almeno 30 cadaveri nel freezer dei due cannibali
Secondo quanto riportato dai media russi, nella regione di Krasnodar, in Russia, sarebbero stati arrestati un uomo e una donna sospettati di cannibalismo. Avrebbero rapito, ucciso e divorato fino a 30 persone. L’uomo, è già agli arresti da settembre, pare che quest’ultimo fosse ritratto nelle immagini rinvenute in un telefono cellulare contenenti immagini tremende. Ritratto con le parti del corpo di una donna smembrata.
Tutto ha origine dopo che la polizia russa aveva ritrovato in alcuni pacchetti nei pressi di una scuola di volo anche un secchio con le parti di una donna uccisa così come una borsa presumibilmente appartenente alla vittima e il telefono cellulare con i selfie memorizzati che avrebbero incastrato l’uomo.
Il sospettato, arrestato avrebbe negato di aver ucciso la donna trovata a pezzi nel secchio, dicendo semplicemente che aveva trovato i resti, si era scattato un selfie, ma poi aveva perso il cellulare.
La donna fermata, invece, è la moglie del sospettato e, secondo alcuni media, era infermiera presso un istituto militare locale. Secondo Ria Novosti, l’uomo al momento “ha confessato due omicidi” e gli inquirenti stanno vagliando tutte le ipotesi. Oltre a mangiare carne umana, i presunti cannibali avrebbero preparato delle conserve con i resti delle vittime.
Dopo l’arresto della donna, la polizia ha fatto irruzione nell’appartamento dei due rinvenendo nel freezer delle parti umane che gli inquirenti sarebbero riusciti a identificare solo in parte. Sarebbero almeno 7 le vittime identificate. La coppia ha ammesso che le parti umane rinvenute nel frigorifero del loro appartamento erano destinate a un ‘consumo successivo’. La coppia potrebbe aver cominciato nel 1999. La polizia ora sta esaminado tutti i casi sospetti non risolti.

#Coppiarussa #Cannibalismo #RestiUmani

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...