Mamma denuncia pusher del figlio, 'soffiata' porta alla banda: 18 arresti

26 giugno 2017 ore 18:54, Stefano Ursi
Sono diciotto le persone sottoposte a misure di custodia cautelare dai Carabinieri di Gallarate, in esecuzione di un'ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio, per detenzione e spaccio di stupefacenti. L'operazione si è snodata fra le province di Varese, Milano, Como, Novara, Vercelli, Verbania e Ancona. Secondo le prime ricostruzioni, la presunta rete avrebbe avuto la sua base nella zona dei boschi del quadrante di Saronno.

Mamma denuncia pusher del figlio, 'soffiata' porta alla banda: 18 arresti
L'indagine, avviata nel settembre del 2014, è partita a seguito della denuncia di una mamma residente nella zona di Gallarate, la quale ha raccontato ai carabinieri su alcuni debiti di droga del figlio, minorenne, cosa che ha permesso ai militari di ricostruire la rete, che sarebbe stata composta da 54 persone. Tutti i soggetti indagati, si apprende, fra cui alcuni stranieri di varie nazionalità e quattro donne, sono residenti in provincia di Varese e di Milano.

Dalla zona boschiva di Saronno, si legge, gli stupefacenti sarebbero stati distribuiti nelle altre province. La donna, secondo quanto si legge su VareseNews, sarebbe riuscita a leggere un messaggio sul telefono del figlio, nel quale si sarebbe fatto esplicito riferimento all'acquisto di droga. Così è riuscita, tramite l'individuazione del numero di telefono di cui alla conversazione messaggistica, ad indirizzare i militari sulle tracce del gruppo, cosa che ha portato poi agli arresti effettuati all'alba di stamane.

#denuncia #madre #droga #arresti

autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...