Vicino di casa muore preso a calci e pugni per un auto: fermata una famiglia

27 luglio 2015, intelligo
Vicino di casa muore preso a calci e pugni per un auto: fermata una famiglia
E' un classico a cui non ci si può e non ci si deve abituare: una lite tra vicini finita in tragedia
. Una rissaper un auto, secondo le prime indagini, tutte da accertare... E' successo a Mondragone, in provincia di Caserta. Vittima un 48enne, Raffaele Ibello, preso a calci e pugni da alcuni vicini che non ce l'ha fatta a superare la notte. L'uomo pare fosse noto al vicinato come alcolista cronico.

I fermi sono tre per omicidio preterintenzionale e si tratta dei vicini di Ibello: una donna, il suo compagno e il figlio diciannovenne. 

Gli inquirenti motivano la furia dei tre con un danneggiamento della loro auto ad opera della vittima. A quel punto, in gruppo lo avrebbero preso a calci e pugni fino a quando Ibello non è finito a terra. 

E' morto, secondo l'ospedale di Caserta, per un infarto causato, dai colpi sferrati dai vicini. Addirittura aveva più di una costola e vertebre rotte.

Ora i tre sono stati fermati e sono in carcere dopo che hanno ammesso, così riportano fonti di stampa, di aver picchiato il vicino nell'interrogatorio: dovranno difendersi e far sentire le proprie ragioni davanti a un giudice. 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...