Niente vaccino, ostetrica prende morbillo. Pazinenti a rischio contagio

28 agosto 2017 ore 15:44, Giuseppe Tetto
Niente vaccino per l’ostetrica che si ammala di morbillo. È questo quello che è accaduto all’ospedale di Senigallia, in provincia di Ancona, dove la donna lavorava in uno dei reparti più delicati, quello di Ostetricia e ginecologia. Assente per malattia da domenica 20 agosto, venerdì 25 la Direzione sanitaria dell'istituto ospedaliero ha segnalato il suo caso al servizio Isp - Malattie infettive del Dipartimento di prevenzione, che ha aperto un'indagine. Su richiesta del ministero della Salute, l'ospedale sta contattando le pazienti assistite dall'ostetrica nei giorni precedenti al 20 agosto, per monitorare l'eventuale comparsa di segni e sintomi compatibili con il morbillo o all'incubazione della malattia. È stata anche aperta un'indagine interna per ricostruire rapidamente i contatti avuti dall'ostetrica malata nei probabili giorni di incubazione della malattia. 
Niente vaccino, ostetrica prende morbillo. Pazinenti a rischio contagio
RICERCA PAZIENTI
Sono stati vaccinati 2 contatti familiari, 2 genitori di neonati e un operatore sanitario. Il quadro clinico dell'ostetrica è aggravato dal fatto che la donna ha contratto la polmonite, una delle complicanze che possono insorgere (secondo le statistiche in sei casi su 100) dopo essere stati contagiati dal paramyxovirus. Avvisati anche 19 contatti di 56 pazienti del Pronto soccorso dei quali era registrato il numero telefonico, oppure avvisato il medico di medicina generale. Nel frattempo sono state allontanate sei persone dal servizio nell'Ospedale perché non immuni al morbillo, di cui quattro operatori del reparto di ostetricia e due di radiologia. Sono in attesa che vengano resi noti i risultati dei test immunologici cui sono stati sottoposti. 
EPIDEMIA MORBILLO
Intanto non sembra cessare l’epidemia di morbillo. Sono 26 i casi segnalati soltanto nel mese di agosto, e quasi 4.200 dall’inizio dell’anno. Sono questi i numeri dell’ultimo bollettino del ministero della Salute pubblicato qualche giorno fa, secondo cui il totale dall’inizio dell’anno è di 4.193 casi, con 3 morti. L’88% dei casi notificati da gennaio riguarda persone non vaccinate, mentre il 7% vaccinati con una sola dose. Nel 34% dei casi si è verificata almeno una complicanza. Il ricovero è stato necessario nel 42% dei pazienti, e l’età media dei contagiati è 27 anni. Il 56% delle segnalazioni si è avuta nella fascia d’età 15-39 anni, mentre l’incidenza è maggiore nei bambini al di sotto di un anno: qui il morbillo ha colpito 52 bimbi ogni 100mila abitanti. In quelli tra 1 e 4 anni, i casi sono 25 ogni 100mila, mentre tra i giovani adulti (la fascia più popolosa) l’incidenza è 14 ogni 100mila.
caricamento in corso...
caricamento in corso...