Unioni civili, Gandolfini sul Family Day: "Siamo al traguardo: noi la passione e il sentimento degli italiani"

28 gennaio 2016 ore 14:53, intelligo
Il Family Day "non è una manifestazione contro le persone". Inizia così l'intervento a Radio Vaticana di Massimo Gandolfini presidente del Family Day, alla vigilia della manifestazione che si svolgerà al Circo Massimo a Roma. 
L'attesa è di almeno un milione di persone, l'organizzazione sta andando molto bene, "le adesioni e le partecipazioni sono veramente numerosissime" avverte, mentre non vuole neanche sprecare una parola in più sulle accuse degli ultimi giorni: "Sappiamo benissimo qual è l'insegnamento di Nostro Signore nei confronti di tutte le persone. Mentre c'è una linea ben precisa nei confronti di queste leggi che stravolgono l'antropologia umana".

Unioni civili, Gandolfini sul Family Day: 'Siamo al traguardo: noi la passione e il sentimento degli italiani'
 Per Gandolfini il traguardo è vicino e i numeri "direi superiori rispetto alle aspettative". Ma davvero riempiranno il Circo Massimo? "Pensiamo di avere davvero una piazza  gremitissima e soprattutto con gente di ogni tipo, di ogni estrazione. Ci sarà la cultura ovviamente, la tradizione cristiano-cattolica, ma non soltanto quella: ci saranno anche cristiani di altre confessioni e persone di religioni diverse: musulmani, addirittura i Sikh. Per cui sarà veramente una piazza importante. Per quanto riguarda l'associazionismo, credo che sarà rappresentato tutto: non c'è praticamente quasi nessuna assenza dell'associazionismo cattolico".
E poi, alla fine, lascia l'annuncio della presenza di musulmani:"Siamo molto contenti, - dice Gandolfini - perché anche questo conferma l'importanza del tema famiglia. Saranno presenti sia sunniti che sciiti che, normalmente, non hanno un rapporto facile tra loro. E saranno presenti anche gli evangelici, i pentecostali, addirittura la religione indiana dei Sik. Sarà, davvero, una piazza, anche dal punto di vista religioso, multi-religiosa". La manifestazione, spiega ancora, "è autofinanziata. Abbiamo delle persone molto generose che ci stanno aiutando. Ma ci sono delle persone che vanno in banca e fanno l'Iban per dieci euro. E questo dice la passione e il sentimento degli italiani".
Un successo lo è già, insomma. La fede e la forza sempre rispettosa di tutto il Comitato ha già raggiunto il suo traguardo.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...