Violenza sessuale aggravata su minore: indagato familiare carabiniere

28 settembre 2017 ore 18:26, Luca Lippi
Un militare dell’Arma, sospettato di avere abusato di una minore di 10 anni, è in custodia cautelare in carcere. L’arresto risale a lunedì scorso nel grossetano. L’accusa sarebbe di violenza sessuale aggravata in attesa che gli inquirenti facciano piena luce sull’evoluzione dei fatti. Tutto nasce dai sospetti della nonna materna della presunta vittima. Insospettita dagli atteggiamenti anomali della bimba, visibilmente turbata, avrebbe sottoposto la nipote a una serie di domande per capire il motivo di tanto turbamento. Dalle risposte della bambina, la nonna materna avrebbe tratto delle conclusioni sufficienti a sporgere denuncia presso la stazione di Polizia.
Violenza sessuale aggravata su minore: indagato familiare carabiniere
Immediatamente la Procura, fatte le prime valutazioni, ha incaricato il giudice per le indagini preliminari di Grosseto di disporre l’arresto del sospettato eseguito dai carabinieri del comando provinciale di Grosseto.
L’uomo accusato sarebbe un 50enne in servizio in una caserma del grossetano. Per motivi familiari si sarebbe intrattenuto con la piccola a detta della nonna materna, abusando della bambina.
Le generalità dell’uomo arrestato non sono state rese pubbliche per ordine del procuratore capo Raffaella Capasso che ha imposto il massimo riserbo a tutela della minore, avrebbe dichiarato: “Non vengono indicate le generalità a tutela della minore e a salvaguardia dell'anonimato della stessa”. Quindi sembra proprio che il grado di parentela tra la presunta vittima e il presunto carnefice sia piuttosto stretto.
Ha spiegato il procuratore capo Capasso che il carabiniere indagato non è stato immediatamente arrestato poiché era sufficiente la misura di divieto di dimora nel proprio comune di residenza e di divieto di avvicinamento alla bimba. Tuttavia, a seguito dell’infrazione del divieto da parte del militare, non si è potuto evitare di procedere alla “più gravosa misura della custodia cautelare in carcere, unica idonea a salvaguardare le comprovate esigenze cautelari”.

#ViolenzaSessuale #Carabiniere #Grosseto #Minore
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...