Chi era Gabriella Ferri di Dove sta Zazà?

29 agosto 2017 ore 14:56, Americo Mascarucci
La sua voce ancora si ascolta nelle radio soprattutto quelle romane perché lei di Roma e del romanesco è stata senza dubbio fra le voci più indimenticabili. Sono passati tredici anni da quel 3 aprile 2004 quando Gabriella Ferri è morta, ma è come se al pari di Claudio Villa, Renato Rascel e tanti altri personaggi del mondo della canzone, del cinema e del teatro legati alla Capitale, sia ancora incredibilmente viva nei ricordi e nell'affetto della gente. E le sue canzoni, i suoi ritornelli, le sue melodie, continuano ancora oggi ad appassionare ed emozionare il pubblico.
Chi era Gabriella Ferri di Dove sta Zazà?

GLI ESORDI

Romana verace, nata e cresciuta nel rione romano di Testaccio per poi trasferirsi in seguito a San Giovanni sul principio sogna di diventare un'indossatrice e lavora per mettersi da parte i soldi per poter tentare la carriera. Conosce Luisa De Santis la figlia del regista di Riso Amaro e con lei decide di mettere in piedi un duetto con l'obiettivo di valorizzare la musica romana. Il duo prende il nome di Luisa e Gabriella. La svolta per loro arriva nel 1964 quando vengono chiamate in televisione nella trasmissione La fiera dei sogni presentata da Mike Bongiorno, in cui cantano La società dei magnaccioni che, nei giorni seguenti all'apparizione televisiva, venderà un milione e settecentomila copie.
Nel 1965 esce nelle sale cinematografiche italiane ed estere il loro primo e forse unico filmato musicale contenuto nel film 008 Operazione Ritmo del regista produttore Tullio Piacentini.
Luisa è però molto timida e ha difficoltà a cantare in pubblico specie davanti a platee molto vaste, ragione per cui Gabriella decide di sciogliere il duo e proseguire da sola la propria carriera artistica. 

IL SUCCESSO

Incide un album nel 1966 e parte per il Canada per la tournée di uno spettacolo teatrale di musica popolare con la regia di Aldo Trionfo, assieme ad altri esponenti del folk italiano come Caterina Bueno, Otello Profazio e l'attore Lino Toffolo.
Dopo gli anni passati a Milano, torna a Roma alla fine del 1966, e approda al Bagaglino di Roma, di cui diventa la cantante ufficiale; qui conosce Piero Pintucci, che diventerà un suo collaboratore musicale abituale, e incide un 45 giri nel 1968 per la ARC, È scesa ormai la sera, che in Italia non ha un grosso riscontro commerciale.
Il lato b di questo singolo, Ti regalo gli occhi miei, raggiunge i vertici delle classifiche in Sudamerica e Gabriella lo incide in lingua spagnola con il titolo Te regalo mis ojos vendendo svariati milioni di copie: intraprende così un tour nei paesi sudamericani con strepitoso successo per poi tornare a esibirsi al Bagaglino con Enrico Montesano.
Nel 1969 partecipa al Festival di Sanremo ma, nonostante presentasse, in coppia con Stevie Wonder, una bella canzone con sonorità beat e rhythm'n'blues, scritta da Gabriella insieme al padre Vittorio e a Piero Pintucci, intitolata Se tu ragazzo mio, l'artista viene eliminata al primo turno e a Sanremo non tornerà mai più.
Il disco comunque è un successo, e la canzone viene reinterpretata da molti altri artisti. 
Negli anni '70 aumentano le sue apparizioni in televisione con: Questa sera... Gabriella Ferri, Dove sta Zazà (1973), che prese il titolo dal motivo di successo che aveva contribuito a rilanciare, il Circo delle voci e Mazzabubù
Nel 1976 partecipa al film Remo e Romolo - Storia di due figli di una lupa.
Dopo l'esperienza televisiva di Giochiamo al varieté (1980) e l'incisione di un disco con alcune canzoni scritte per lei da Paolo Conte (Gabriella, nel 1981, con la celebre Vamp), si trasferì per qualche tempo negli USA, lasciando televisione e cabaret per dedicarsi unicamente alla musica.
Rientrata in Italia, incise nel 1987 la sigla del varietà televisivo Biberon.

VITA PRIVATA

Gabriella Ferri si è sposata due volte. La prima col giovane diplomatico Giancarlo Riccio il 20 giugno del 1967 ma il fatto che l'attività del marito la porti lontana dall'Italia è motivo di attrito fra i due. Così fra alti e bassi, separazioni e ricongiungimenti, i due decidono di chiudere definitivamente il loro matrimonio nel 1970.
Nel 1972 si reca in Venezuela e a Caracas conosce l'imprenditore statunitense di origine russa Seva Borzak, che sposerà solo tre mesi dopo, e da cui avrà l'unico figlio, Seva junior.

#gabriellaferri #carriera #successo 

caricamento in corso...
caricamento in corso...