Calderoli, tana per Grillo: "Per non far scattare la pensione? Ha sbagliato data"

29 maggio 2017 ore 15:20, intelligo
"L’ultima sparata di Grillo è far votare il 10 settembre per non far maturare la pensione ai parlamentari, non facendo raggiungere la fatidica soglia del 15 settembre? Forse prima di parlare bisognerebbe informarsi un po’…": 
il senatore leghista Roberto Calderoli spiega a Grillo come funzionano le regole sul voto e lo inchioda alla sua furbizia. 
Calderoli, tana per Grillo: 'Per non far scattare la pensione? Ha sbagliato data'
"I parlamentari uscenti restano in carica fino al giorno in cui si insedia il nuovo Parlamento e in genere servono due settimane, dopo il voto, per l’insediamento (il termine tassativo è entro venti giorni), per cui se anche si votasse il 10 settembre, come suggerisce Grillo, i parlamentari scavalcherebbero comunque il termine del 15 settembre che fa scattare i 4 anni, sei mesi ed un giorno": fa sapere il senatore.

A questo punto affonda il coltello e al leader M5S manda un messaggio chiaro: "Caro Grillo forse prima di spararle grosse bisognerebbe anche documentarsi e studiare un po', perché per ottenere il risultato auspicato da Grillo bisognerebbe votare invece entro il 27 agosto. Questo invece mi sembra proprio un caso di beata ignoranza...".
Alla fine la situazione è in stallo: Mattarella non si fida di nessuno, Berlusconi attende la prima mossa altrui, Salvini e Meloni in panchina.

#calderoli #voto #elezioni #grillo
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...