Che fine ha fatto Mario Tessuto di Lisa dagli occhi blu?

03 agosto 2017 ore 16:11, Americo Mascarucci
Chi non conosce la celebre canzone "Lisa dagli occhi blu"? Impossibile affermare di non averla mai ascoltata almeno una volta in Tv, alla radio o magari in qualche locale dove si fa piano-bar.  La canzone è infatti famosissima anche se molti probabilmente non ricordano o non sanno chi la cantava alla fine degli anni 60 del secolo scorso quando fu lanciata con grande successo. Lui è Mario Tessuto, all'anagrafe Mario Buongiovanni nato a Pignataro Maggiore il 7 settembre del 1943 e trasferitosi a Milano quando era bambino con i genitori operai. Chi è e che fine ha fatto? Andiamo a scoprirlo.
Che fine ha fatto Mario Tessuto di Lisa dagli occhi blu?
 

CARRIERA
Appassionato di musica, grazie all'amicizia con Livio Macchia, cantante e chitarrista dei Camaleonti, inizia ad esibirsi dal vivo e viene notato da Miki Del Prete, collaboratore di Adriano Celentano, che gli propone un contratto con l'etichetta del Molleggiato, il Clan Celentano. Sceglie il nome d'arte di Mario Tessuto, ma durante la durata del contratto non incide nessun disco; passa quindi prima alla Jaguar Records (portatovi da Ricky Gianco, conosciuto al Clan) e poi alla CGD, con cui riesce a partecipare al Cantagiro 1966 con Teen agers concerto; incide anche una cover di Love me, please love me di Michel Polnareff.
Il successo arriva con il ritorno alla stessa manifestazione due anni dopo: al Cantagiro 1968 presenta Ho scritto fine, brano scritto da Don Backy, che viene anche presentato durante la trasmissione televisiva Settevoci, presentata da Pippo Baudo. 
La svolta però ci sarà nel 1969 con Lisa dagli occhi blu: scritta da Giancarlo Bigazzi per il testo e da Claudio Cavallaro per la musica. La canzone, seconda classificata a Un disco per l'estate 1969, diventa in breve tempo una delle più vendute dell'anno, oltre che uno dei brani simbolo degli anni sessanta, e da essa viene anche tratto un musicarello, diretto da Bruno Corbucci in cui lui stesso recita la parte del protagonista; rimane in classifica tra i primi dieci per quindici settimane, restando al primo posto due settimane dal 16 al 23 luglio e ritornandoci per altre quattro settimane dal 20 agosto al 10 settembre.
Nello stesso anno viene anche pubblicata Nasino in su, scritta sempre da Bigazzi e Cavallaro, che, pur entrando in hit parade non ripete il boom del 45 giri precedente, così come Blu notte blu, scritta da Mogol per il testo e da Mario Lavezzi per la musica; viene comunque anche pubblicato un album.
In questo periodo Tessuto diventa anche uno dei protagonisti delle riviste di gossip, a causa del suo flirt con Daniela Ghibli, la cantante e valletta di Settevoci.
L'anno successivo partecipa al Festival di Sanremo 1970 in coppia con Orietta Berti con Tipitipitì con poca fortuna; il 1970 è anche l'anno in cui partecipa alla celebre cavalcata da Milano a Roma effettuata da Mogol e da Lucio Battisti (amico di Tessuto) dal 21 giugno al 26 luglio, con l'incarico di effettuare le riprese (che vengono sonorizzate in seguito da Battisti nello studio casalingo di Mario Tessuto).
Nel 1971 con la canzone Se torna lei è di nuovo in gara a Un disco per l'estate, manifestazione che lo vedrà ai nastri di partenza anche nel 1972 con Un attimo del giorno, e nel 1973 con Giovane amore, ma soltanto in quest'ultimo caso riuscirà a superare la fase eliminatoria del concorso e a partecipare così alle semifinali di Saint Vincent.
Nel 1975 ha inciso la cover in italiano del successo di Eric Carmen All by Myself, Rivoglio lei (con il testo scritto da Cristiano Minellono).
Nel corso degli anni settanta si è anche dedicato all'attività di autore per altri interpreti: nel 1976 ha scritto per Loredana Bertè Meglio libera (in collaborazione con Daniele Pace e Oscar Avogadro per il testo e con Umberto Napolitano per la musica) e nel 1984 Utopia per Pascal.

COSA FA OGGI
Mario Tessuto continua tuttora l'attività concertistica, incidendo in collaborazione con la moglie Donatella (i due hanno due figli, Giancarlo e Sabrina, che li ha resi nonni), esibendosi soprattutto nei mesi estivi e riproponendo le sue canzoni.
Il 25 settembre 2013 ha partecipato al concerto per festeggiare i cinquant'anni di carriera di Gian Pieretti, che si tenne all'Auditorium di Mortara (dove il cantautore risiede) un concerto a cui partecipano molti musicisti tra cui Viola Valentino, Ricky Gianco, Marco Bonino, Ivan Cattaneo, Paki Canzi, Donatello, i Camaleonti ed Elisabetta Viviani, oltre allo stesso Pieretti
Mario ha anche aperto un ristorante in provincia di Milano, a Besate, che si chiama Lisa dagli Occhi Blu come la canzone che gli ha procurato tanto successo. Ecco come sul quotidiano Repubblica nel marzo 2002 lui stesso spiegava perchè aveva deciso di darsi alla cucina: "La cucina è sempre stata la mia passione, lo sapeva bene anche il caro Lucio Battisti. Veniva spesso a casa, gli preparavo una mia specialità, i bucatini all' amatriciana, e lui diceva che come li facevo io non li facevano nemmeno a Roma". 
Il ristorante era in uno stabile settecentesco che era stato dei Visconti di Modrone, e alla cucina era anche abbinata la musica. Il ristorante ha poi in seguito chiuso i battenti. 

#mariotessuto #lisadagliocchiblu #carriera
caricamento in corso...
caricamento in corso...