Che fine ha fatto Michele di "Dite a Laura che l'amo"

03 agosto 2017 ore 16:29, intelligo
Musicista fin nel midollo, Gianfranco Michele Maisano, conosciuto al grande pubblico come Michele, a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, "Sono dannato" e "Flirt", due rock'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Nato a Vigevano (PV) il 29 giugno del 1944, ha sicuramente ereditato la sua vena artistica dalla mamma promettente soprano. Dopo varie esperienze con gruppi rock, infatti, viene ingaggiato dall'orchestra Zanti che si esibisce nel mitico dancing Iris Buranello, a Sampierdarena. Qui canterà per quattro anni, mentre di giorno è un assonnato" studente dell'istituto nautico di Genova. 

Che fine ha fatto Michele di 'Dite a Laura che l'amo'
CARRIERA
 
Arriva durante l'estate del 1963 il decollo di Michele, quando a 18 anni non ancora compiuti, vince il Cantagiro con "Se mi vuoi lasciare", brano che esalta le straordinarie qualità canore di questo ragazzo riservato e serio. Ottiene nuovamente successo con "Ridi", "Ti ringrazio perché" e "Ti senti sola stasera", cover di "Are You Lonesome Tonight", evergreen di Elvis Presley. Il suo grande successo arriva nel 1966 con la canzone "Dite a Laura che l'amo" (cover di Tell Laura I Love Her), che lo fa conoscere anche all'estero. Le grandi doti artistiche di Michele lo fanno entrare in contatto con i cantautori dell’epoca. Fabrizio De André nell'album "La buona novella" del 1970 ricorda come Michele assieme all'autore bolognese Corrado Castellari abbia avuto un'idea per la musica de "Il testamento di Tito", canzone incisa anche da Michele sul lato B di Susan dei marinai. Incide poi l'album "Vivendo cantando", in cui presenta canzoni scritte da cantautori come Sergio Endrigo, Francesco Guccini, Bruno Lauzi, Roberto Vecchioni, Enzo Jannacci, Luigi Tenco e Fabrizio De André. È del 1980 la sua prima orchestra spettacolo: gira i locali da ballo in lungo e largo per l'Italia ottenendo un grande successo. 

OGGI 
Nel 2012 viene chiamato da Verdiano Vera, produttore discografico, per far parte del super gruppo Artisti Uniti per Genova nel progetto "Ora che", brano scritto da Max Campioni, realizzato per raccogliere fondi per l'alluvione di Genova del 4 novembre 2011, che vede la partecipazione di numerosi musicisti e cantanti della scena musicale genovese. Nel 2016 a MilleVoci presenta con successo i nuovi brani, tra cui "Ho camminato" ed "Ho bisogno d'amore".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...