Ilary Blasi regina del gossip: lato B stupendo, ma volto cupo

30 luglio 2015, Americo Mascarucci
Ilary Blasi regina del gossip: lato B stupendo, ma volto cupo
Quel che non può il volto, può il lato B. Ilary Blasi sta trascorrendo le vacanze a Ponza con i figli ma non con il compagno Francesco Totti impegnato con la squadra, fatto questo che potrebbe essere la causa scatenante di un corpo perfetto in un volto amaro. 

Gli scatti di Diva e Donna ci dicono proprio questo, ci presentano cioè la distanza siderale fra il corpo e la testa della showgirl. Apparentemente il corpo traspare nella sua straordinaria sensualità e con l’esposizione di un lato b che sembra per l’appunto scolpito dalla mente geniale di un’artista. Il corpo parla attraverso il linguaggio della bellezza, ma non può nascondere la ruvidezza di un volto che non risponde al corpo ma per l’appunto alla testa. 

Dove è finito il sorriso smagliante di Ilary? Dove sta quella sua indomita felicità raffigurata dall’espressione sempre gioiosa e solare del proprio volto? Non c’è, non si vede, sostituita dal grigiore di un volto cupo, quasi infastidito, contrassegnato dalla tensione, dall’amarezza, dalla rabbia. Cosa passa per la testa della showgirl? Quali pensieri rendono il viso così lontano dal corpo ma straordinariamente attaccato alla testa? L’assenza del marito non le va giù? 

Il fatto di dover trascorrere le vacanze con i figli e con gli amici ma non con l’uomo con cui è legata da oltre dieci anni le ha fatto perdere il sorriso, la gioia, il desiderio di apparire nella sua solarità. Quali pensieri corrono nella mente di Ilary da costringerla a mostrarsi così seriosa nelle foto scattate dalla rivista? Un volto che certamente lascia l’amaro in bocca a chi magari sperava di vedere abbinata alla bellezza del corpo, la solarità del viso. 

Perché la bellezza è una visione d’insieme che non può prescindere da ogni singolo elemento della personalità. Si può avere un corpo perfetto ma un viso inguardabile, oppure viceversa. In questo caso non c’è vera bellezza, ma bellezza a metà, o forse non c’è bellezza, perché la bruttura di un ingranaggio rende poi brutta l’intera architettura. Quindi non resta che consolarsi ammirando quel lato b così perfetto da sembrare quasi scolpito.
caricamento in corso...
caricamento in corso...