Un postumo per l'Oscar, così Caligari per l'Academy

30 settembre 2015, Micaela Del Monte
Un postumo per l'Oscar, così Caligari per l'Academy
Sarà candidato all'Oscar come miglior film in lingua straniera il film diretto e completato poco prima della morta da Claudio Caligari.

Così "Non essere cattivo", uscito postumo proprio alla morte del regista e portato fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia da Valerio Mastandrea (che lo ha anche coprodotto), ha battuto la concorrenza, tra gli altri, del “Giovane Favoloso” di Martone, di “Mia madre” di Moretti e di “Sangue del mio sangue” di Bellocchio.  A stabilire la sua prestigiosa candidatura è stata la commissione dell'Anica (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive), che ha selezionato "Non essere cattivo" da una lista di nove pellicole, che concorrevano per aggiudicarsi il posto riservato al candidato italiano.

Il film, interpretato da Luca Marinelli, è ambientato nel 1995 a Ostia. Una vita di eccessi, un po' come nel suo "Amore tossico" del 1983: notti in discoteca, macchine potenti, alcool, droghe sintetiche e spaccio di cocaina. "Non essere cattivo", in sala da tre settimane distribuito da Good Films, ha incassato ad oggi circa 270 mila euro (dato Cinetel), grazie ad un bel passaparola e magari ora con la stupenda notizia della candidatura crescerà ancora.

Il 14 gennaio 2016 l’Academy comunicherà la cinquina delle nomination, mentre la cerimonia degli Oscar si terrà il 28 febbraio. Il film postumo di Caligari dovrà vedersela con i candidati delle altre nazioni per conquistare un posto: tra gli altri, “L’ultimo lupo” di J.J. Annaud per la Cina, “Sunstroke” di Nikita Mikhalkov per la Russia e “A pigeon sat on a branch reflecting on existence” di Roy Andersson (Leone d’Oro a Venezia 2014) per la Svezia. 

Non finisce qui: c’è un altro italiano nominato agli Oscar, questa volta in rappresentanza della Germania, ed è Giulio Ricciarelli regista di “Labyrinth of Lies”. Milanese di nascita e tedesco d’adozione, Ricciarelli racconta della cospirazione di varie istituzioni tedesche per occultare i crimini di Auschwitz dopo la Seconda guerra mondiale (il film uscirà in Italia a inizio 2016).
caricamento in corso...
caricamento in corso...