Effetto Bergoglio. Il Papa è nel cuore degli italiani (non solo cattolici). La prova

31 gennaio 2014 ore 10:53, Marta Moriconi
Effetto Bergoglio. Il Papa è nel cuore degli italiani (non solo cattolici). La prova
E' quasi un anno che il card. Bergoglio si è insediato in Vaticano, diventando Papa Francesco e succedendo, eccezionalmente nella storia della Chiesa Cattolica, a un pontefice vivente, Papa Benedetto XVI.
Dalla Germania all'Argentina il salto non è stato indolore, per quanti amavano i teneri ma sobri gesti di Ratzinger, ma sicuramente d'impatto.E forse questi dati del Rapporto Eurispes un po' raccontano anche l'approccio culturale degli italiani - si sa che il Sud America e il nostro Paese hanno avuto e hanno un legame stretto - rispetto al nuovo Pontefice, per sua stessa dichiarazione "venuto dalla fine del mondo". La novità, se così possiamo definirla, è che Papa Francesco è compreso, ma soprattutto comprensibile non solo ai cattolici.  Ha conquistato l'affetto, infatti, delle persone lontane dalla Chiesa. Si parla di un 87,1% degli italiani che lo sostengono convinti che stia ridando vitalità alla Chiesa. Scettici sulla sua figura solo un misero 4,5%. Pochi di più gli indecisi l'8,4%. Ma che impatto ha sulla fede tutto questo amore e attaccamento a Bergoglio? Beh anche qui gli italiani stupiscono. Alla faccia dei media che descrivono una società sempre più secolarizzata e distante dalle tematiche religiose. Per quanto riguarda il rapporto tra gli italiani e la fede, la maggioranza della popolazione, il 75,2% dichiara di essere cattolica, ma si dice praticante solo un terzo. Ecco, servita su un piatto d'argento, la prossima missione della Chiesa e del Papa: far coincidere le dichiarazioni con la pratica religiosa.
caricamento in corso...
caricamento in corso...