Cook non morde solo la mela: "Google e Facebook divorano i vostri dati"

04 giugno 2015, Adriano Scianca
Google e Facebook? “Divorano i vostri dati”. L'ennesimo allarme sulla privacy traballante nel web non arriva da qualche sito antagonista ma dal capo di una multinazionale del settore. 

È infatti Tim Cook, amministratore delegato di Apple, ad attaccare gli altri due colossi del settore, pur senza nominarli ma con accenni piuttosto espliciti. 

“L'idea che i nostri clienti debbano scegliere se avere maggior privacy o maggior sicurezza va respinta sul nascere. E' un nostro dovere garantirle entrambe. Quello della riservatezza deve essere un diritto fondamentale delle persone. Ce lo chiede la Costituzione americana, il popolo, la moralità”, ha detto, non senza una certa retorica, il successore di Steve Jobs nel corso di un evento organizzato dall'Electronic Privacy Information Center a Washington. 

L'intervento prosegue sulla stessa retorica indignata: “E' incredibile come alcune aziende divorino qualsiasi informazione possano rintracciare su di voi, per poi monetizzarla. Ad Apple crediamo che questo comportamento sia sbagliato”. 

La stoccata a “Big G” e al più popolare dei social network appare chiara, tanto più che una frase successiva fa pensare proprio al nuovo servizio Google Foto: “È necessario che i clienti possano controllare le loro informazioni. Certo, magari vi attrae la possibilità di avere servizi gratuiti, magari dove poter conservare le vostre foto di famiglia che chissà per quali scopi di advertising saranno utilizzate. Un giorno gli utenti comprenderanno tutto questo”. 

Passione per i diritti civili o banale concorrenza fra multinazionali?
caricamento in corso...
caricamento in corso...