Tumore al seno, studio italiano approva la scelta di Angelina Jolie

04 novembre 2013 ore 13:35, intelligo
La scelta di Angelina Jolie di sottoporsi a mastectomia preventiva per abbattere le probabilità di ammalarsi di tumore, è positiva almeno sul fronte psicologico. E’ l’esito di uno studio realizzato dall’Istituto nazionale tumori di Milano (Int) che ha valutato le conseguenze psicologiche della decisione dell’attrice che ha destato scalpore. La conclusione della ricerca, pubblicata sulla rivista “Clinical Genetics” e condotta dalle strutture di Psicologia clinica e di Genetica medica dell’Irccs lombardo, è che “le donne con predisposizione genetica al tumore del seno riducono in modo significativo la percezione del rischio e la paura di ammalarsi se si sottopongono alla chirurgia preventiva”. L’analisi si è concentrata sull’impatto psicologico della decisione sulle strategie preventive da intraprendere (controlli periodici oppure chirurgia profilattica) in un campione di 120 donne italiane portatrici di una mutazione dei geni Brca1 e Brca2: geni la cui alterazione è correlata al rischio di sviluppare tumore al seno o alle ovaie. Dall’indagine è emerso che, nel campione analizzato, optano per la chirurgia profilattica il 30% delle donne che non hanno mai sviluppato un tumore e il 62% di quelle che hanno già ricevuto una diagnosi oncologica. I risultati indicano che l’intervento non sembra influenzare la condizione psicologica generale e la qualità di vita di queste donne, ma riduce significativamente la loro paura di potersi ammalare in futuro.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...