Mestre choc, massacrato dal branco per aver difeso il fratello. 20 contro uno

05 gennaio 2017 ore 9:53, Americo Mascarucci
Pestato di botte per aver difeso il fratellino dalla furia del branco.
In venti contro uno, si sono scagliati con inaudita violenza su un diciottenne ferendolo gravemente.
Un episodio sconcertante avvenuto in pieno centro a Mestre, zona Candiani.
Si stavano esibendo in un gioco di illusionismo quando i ragazzi del branco avrebbero iniziato a schernire il fratello di 10 anni con il ricorso ad epiteti volgari.
Il 18enne è intervenuto in difesa del piccolo invitandoli a smettere e questi, per tutta risposta, come bestie si sarebbero scagliate contro di lui colpendolo con calci e pugni.
Come detto il branco era composto da una ventina di persone, una superiorità numerica che ha impedito a due amici del ragazzo di poter intervenire in sua difesa.
Una violenza cieca, barbara, quasi impossibile per chi è dotato di freni inibitori ed è capace di ragionare su ciò che sta facendo.
Mestre choc, massacrato dal branco per aver difeso il fratello. 20 contro uno

"Peggio delle bestie" avrebbe riferito chi ha assistito impaurito al pestaggio.
 Il 18enne che soffre di epilessia è svenuto sotto i violenti colpi inferti dal branco.
Portato d'urgenza in ospedale è stato subito soccorso dal personale sanitario.
I medici hanno riscontrato un trauma cranico commotivo guaribile in una decina di giorni con obbligo di riposo assoluto.
Il ragazzo inoltre avrebbe il labbro lacerato, escoriazioni in più punti del corpo, lividi ovunque soprattutto sull'addome dove ha ricevuto calci a volontà, occhi pieni di ematomi, una frattura ad una mano
Le forze dell'ordine stanno cercando di individuare i responsabili dell'ignobile e vile pestaggio.
Non è forse da vigliacchi schierarsi in venti contro una sola persona?
Del resto proprio la vigliaccheria è la prima caratteristica di chi agisce in branco. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...