Il Vesuvio fa paura, vasto incendio: evacuati alloggi. Come prevenirli

05 luglio 2017 ore 20:20, Andrea Barcariol
Italia dilaniata dagli incendi. Complice il caldo e temperature al di sopra della media per tutto il mese di giugno (3,1 gradi in più), continuano a susseguirsi i roghi. Oggi le fiamme hanno colpito anche le pendici del Vesuvio, nell’area tra i comuni di Torre del Greco ed Ercolano. Sono intervenute subito squadre dei Vigili del fuoco, Carabinieri forestali e pattuglie dell'Esercito, supportati da Canadair ed elicotteri della Protezione Civile ma le operazioni sono rese difficili a causa del forte vento.

Il Vesuvio fa paura, vasto incendio: evacuati alloggi. Come prevenirli
La polizia municipale di Ercolano oltre ad aver chiuso le strade di accesso al cratere sta favorendo il deflusso dei turisti che erano in escursione. Sono stati evacuati a scopo precauzionale alcuni alloggi. Attualmente non si registrano feriti.
 
DATI - Nel Lazio ad esempio, ha affermato oggi il presidente della Regione Nicola Zingaretti ha affermato che "nel mese di giugno c'è stato un incremento del 300% rispetto allo stesso periodo del 2016".

DECALOGO COLDIRETTI - Per prevenire gli incendi, Coldiretti ha predisposto un decalogo: “La prima cosa per non causare l’insorgenza di un incendio nel bosco – si legge in una nota – è quella evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano completamente fredde”. Soprattutto nelle campagne – precisa Coldiretti – non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall’automobile e nel momento in cui si è scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi”. Inoltre, “non abbandonare mai rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimità e, in particolare, evitare la dispersione nell’ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente”. “Nel caso in cui venga avvistato un incendio – consiglia Coldiretti – non prendere iniziative autonome, ma occorre mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme per informare tempestivamente le autorità responsabili con i numeri di emergenza disponibili”.

#vesuvio #incendio #torredelgreco #napoli
caricamento in corso...
caricamento in corso...