Papa Francesco fa un’indagine di mercato (spirituale). Argomenti? Matrimoni gay, contraccezione e…

05 novembre 2013 ore 13:35, intelligo
Da oggi le Chiese di tutto il mondo potranno dire a Papa Francesco quello che pensano su matrimoni gay, divorzi, contraccezione, coppie di fatto e le altre questioni di ‘coppia’ fuori dai dettami originari della Santa Romana Chiesa. Sono in tutto 38 domande (più un tema libero), volute proprio da Papa Francesco e già inviate alle conferenze episcopali di tutto il mondo. L’obiettivo è semplice: arrivare preparati e consapevoli al sinodo straordinario che ci sarà a un anno da ora sulle sfide della famiglia, in vista poi di quello ordinario del 2015 che avrà il compito di individuare  le ‘linee operative per la pastorale della persona umana e della famiglia’. Una scommessa inedita per il Vaticano, che oggi vuole aprire bene gli occhi sulla realtà, anche ‘deviante’ da quanto previsto tradizionalmente, dei propri fedeli: qual è il rapporto dei divorziati con i sacramenti? L’annullamento del matrimonio è vissuto come peccato, o magari la burocrazia al riguardo è troppo complessa o poco conosciuta? E cosa può fare la Chiesa per le coppie gay? E nel caso in cui abbiano figli? Il tutto per migliorare il rapporto della Chiesa con i fedeli, aprirsi alle sfide dei tempi e trovare un proprio ruolo anche in quelle situazioni che, forse, vanno a toccare i nervi scoperti del Vaticano.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...