Terroristi tra i fedelissimi della Regina: arrestati 4 soldati neonazisti

05 settembre 2017 ore 14:58, Giuseppe Tetto
Le spinte di estrema destra si stanno estendendo anche nel regno di sua maestà Elisabetta II, riuscendo a penetrare nei gangli più riservati delle forze armate. Sono infatti quattro i militari in servizio, sospettati di essere membri di un gruppo neonazista fuorilegge, che adesso sono finiti in manette nel Regno Unito. Tutto è successo questa mattina in un raid della polizia nelle West Midlands, una regione a nord-ovest di Londra, dove i militari sono stati fermati con l'accusa di appartenere a National Action, un'organizzazione terroristica di estrema destra messa al bando lo scorso anno nel Regno Unito perché ritenuta razzista, antisemita e violenta. 
Terroristi tra i fedelissimi della Regina: arrestati 4 soldati neonazisti
MILITARI SOVVERSIVI
Adesso i militari sono detenuti in una stazione di polizia in attesa di essere interrogati da un magistrato, mentre le loro abitazioni sono sottoposte a perquisizione. Secondo il Guardian si tratta di un uomo di 22 anni di Birmingham, un 32enne di Powys, un 24enne di Ipswich e un 24enne di Northampton, tutti pronti ad agire. "Possiamo confermare che un certo numero di membri in servizio dell'esercito sono stati arrestati in base alle leggi contro il terrorismo per essere associati con un gruppo illegale di estrema destra", afferma un comunicato delle forze dell'ordine. 
NATIONAL ACTION Il governo inglese ha bandito la National Action il 16 dicembre 2016, rendendolo il primo gruppo di estrema destra inserito nell’elenco delle organizzazioni terroristiche, ma nel marzo 2017, un’inchiesta della televisione britannica Itv ha svelato che alcuni membri hanno continuato l’attività in segreto. "Si tratta di una formazione razzista, antisemita e omofobica che incita all’odio, glorifica la violenza e promuove una vile ideologia", aveva dichiarato la ministra dell’Interno Amber Rudd annunciandone la messa al bando. Il gruppo aveva celebrato l’uccisione nel giugno 2016 della deputata laburista Jo Cox, da parte di un militante neonazi. La scoperta che a farne parte ci fossero anche militari delle forze britanniche ha inquietato parecchio l’opinione pubblica dubbi sui controlli effettuati su coloro che si arruolano nell'esercito e sull'atmosfera che regna nelle caserme.
caricamento in corso...
caricamento in corso...