In Sardegna c'è "Moby Dick", il rarissimo capodoglio albino

06 agosto 2015, Americo Mascarucci
In Sardegna c'è 'Moby Dick', il rarissimo capodoglio albino
Moby Dick ha fatto ritorno in Sardegna. Nei giorni scorsi infatti al largo dell’Isola di Tavolara è stato fotografato un rarissimo capodoglio albino, ricomparso a distanza di nove anni dal primo avvistamento nel Mediterraneo.

 A riconoscerlo sono stati i ricercatori dell'Università di Sassari e un gruppo di turisti durante un'escursione di whale watching. 

L'enorme cetaceo, che è stato ribattezzato "Moby Dick" come la celebre balena bianca del romanzo di Melville, si è mostrato in superficie per oltre un quarto d’ora per la gioia dei turisti che hanno potuto così scattargli diverse fotografie.. Al largo della Sardegna nord-orientale sono più di 600 gli avvistamenti di cetacei registrati in cinque anni dal gruppo di ricerca di Renata Manconi e Luca Bittau del dipartimento di Scienze della Natura e del territorio dell'ateneo di Sassari.

In particolare, sono state osservate sette delle otto specie di cetacei regolarmente presenti nel Mediterraneo occidentale: il tursiope, la balenottera comune, lo zifio, la stenella striata, il capodoglio, il grampo e il delfino comune, inserito nella lista delle specie in pericolo di estinzione. In passato poi nei mari del Mediterraneo è capitato pure di assistere al passaggio di squali, alcuni anche nelle acque del Tirreno fra Roma e Civitavecchia. 

Grande è stato lo stupore ma anche la paura dei pescatori o dei turisti che a bordo di imbarcazioni a largo della costa hanno visto spuntare dall’acqua le terrificanti pinne da squalo. Nella maggior parte dei casi però gli esperti hanno sempre accertato che si trattava in realtà di specie di squali innocui, quindi non pericolosi. Ma si sa, con gli squali c’è sempre poco da scherzare diversamente dalle balene che come in questo caso possono anche rendere maggiormente piacevole il soggiorno in Sardegna. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...