Disdetta e scadenze canone Rai 2017 in bolletta: cosa succede a gennaio

06 dicembre 2016 ore 11:49, Americo Mascarucci
Canone Rai è di nuovo tempo di scadenze.
L'Agenzia delle Entrate ha più volte precisato che il Canone Rai è una tassa inerente al possesso dell'apparato televisivo e pertanto, chiunque ne sia in possesso è obbligato ad ottemperare il pagamento dell'imposta. 
Il mancato pagamento del Canone Rai comporterà oltre al conguaglio delle eventuali tasse arretrate e non pagate, anche una multa a seguito di accertamento.
Chi non possiede un apparecchio televisivo ha tempo fino al 31 gennaio 2017 per comunicarlo, presentando il modello di dichiarazione sostitutiva disponibile online per il caso di non detenzione dell'apparecchio.
Il problema è che la prima rata per il canone tv dell'anno 2017 scatta già a partire dal prossimo gennaio. 

Disdetta e scadenze canone Rai 2017 in bolletta: cosa succede a gennaio
Quindi, per evitare il primo addebito - e di dover successivamente richiedere il rimborso - è preferibile presentare la dichiarazione sostitutiva in via telematica entro la fine di dicembre o entro il 20 dicembre se viene presentata per posta.  
Attualmente sono in essere delle esenzioni al pagamento per chi ne possegga i requisiti previsti, ma questi ultimi sono comunque obbligati a comunicarlo, attraverso apposito modulo, entro i termini stabiliti. 
In mancanza della prevista comunicazione la tassa verrà addebitata in automatico per il presunto possesso dell'apparato televisivo. 
Come presentare la domanda? 
Il modello di dichiarazione sostitutiva è disponibile sui siti internet dell'Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.it e della Rai www.canone.rai.it e va presentato direttamente dal contribuente o dall'erede tramite un'applicazione web, disponibile sul sito internet delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel rilasciate dall'Agenzia, oppure tramite gli intermediari abilitati (Caf e professionisti).

caricamento in corso...
caricamento in corso...