La verità su Gennaro: malformazioni al cuore oltre la dieta anti obesità

06 luglio 2017 ore 12:41, Luca Lippi
Gennaro Somma era il 16enne che nelle prime ore di ieri, dopo la morte, sarebbe stato dichiarato vittima di una dieta ferrea che lo avrebbe stroncato. Il ragazzo era affetto da obesità e stava seguendo una dieta grazie alla quale aveva perso circa 30 chilogrammi dai 150 iniziali. Dalle notizie che si sono rincorse subito dopo l’evento, la ricerca delle cause del decesso sono state ipotizzate senza l’esame autoptico che è stato eseguito stamattina nell’obitorio del cimitero di Castellammare.
Un aneurisma potrebbe essere la causa, forse causato da una lieve malformazione aortica. Questo è quanto emerso dall'autopsia eseguita dal dottore Sergio Infante su disposizione del sostituto procuratore Andreana Ambrosino della Procura di Torre Annunziata. Ricordiamo che il 16enne di Pimonte era arrivato all'alba di ieri al pronto soccorso dell'ospedale San Leonardo di Castellammare già privo di vita. Nel pomeriggio a Pimonte ci saranno i funerali di Gennarone, come lo chiamavano gli amici.
La verità su Gennaro: malformazioni al cuore oltre la dieta anti obesità
Purtroppo gli effetti dell’obesità – sono soprattutto a detta degli scenziati che da decenni studiano quella che è divenuta una vera e propria patologia, il rischio di sviluppare malattie cresce all'aumentare dell'indice di massa corporea. In particolare i pazienti con obesità grave presentano spesso severe malattie cardiocircolatorie (ipertensione, malattie cardiovascolari) e respiratorie quali dispnea, cioè mancanza di respiro, per sforzi anche modesti, la sindrome di Pickwick (facilità ad addormentarsi durante le comuni attività giornaliere), le apnee notturne (Sleep Apnea Sindrome).
Anche dimagrire velocemente può abbassare le difese -  in linea di massima si potrebbe anche dimagrire velocemente ma nella sostanza non è affatto una buona pratica. Dimagrire in fretta significa avere una perdita di acqua e massa muscolare e una minima perdita di massa grassa. I ricercatori spiegano che i chili non sono tutti uguali. Perdere massa muscolare procura un rallentamento del metabolismo perché sono i muscoli a bruciare più energia. Alla fine di una dieta drastica inevitabilmente si ottiane un forte rallentamento del metabolismo con conseguente ripresa di peso. Perché in una dieta drastica, specie una dieta iperproteica, il corpo distrugge i muscoli per ottenere il glicogeno e le altre sostanze di cui ha bisogno. Quando i dietologi parlano di dimagrimento apparente dicono proprio questo: i muscoli pesano più del grasso, se se ne vanno muscoli e acqua l’ago della bilancia scende, il grasso per lo più rimane. 
Per il momento nel registro degli indagati, non è stato iscritto nessun nome, anche se le prime attenzioni sono rivolte a 2 medici e 4 infermieri. Da capire se ad influire sull'indebolimento del giovane di Pimonte e sulle complicazioni del quadro clinico possa essere stata la dieta prescritta da una nutrizionista della zona, grazie alla quale aveva perso circa 30 chili in pochi mesi. Attenzione rivolta anche ad un malore, con tanto di ricovero al pronto soccorso, avvenuto 10 giorni prima della morte di Gennaro Somma, così come sul vaccino anti meningite somministrato poche ore prima del decesso. Tutti dettagli che sono al vaglio degli inquirenti.

#GennaroSomma #obesità #Autopsia #Pimonte
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...