Eruzioni solari record mandano in tilt radio e Gps: il boom in VIDEO

07 settembre 2017 ore 16:56, Americo Mascarucci
Due eruzioni solari hanno interessato la Terra nelle ultime ore. Si sono verificate a distanza di poche ore nella mattina del 6 settembre. La seconda è stata classificata come la più potente in oltre un decennio. La prima si è verificata alle 11:10 ora italiana ed è stata di categoria X2.2 (i brillamenti di classe X sono i più rari e potenti); la seconda è avvenuta 3 ore più tardi, da un flare di classe X9.3, la più potente eruzione solare dal 2005. Le eruzioni solari sono state registrate dagli esperti del NOAA, dallo Space Weather Prediction Center del National Oceanic and Atmospheric Administration.
Eruzioni solari record mandano in tilt radio e Gps: il boom in VIDEO

COSA SONO LE ERUZIONI SOLARI
Il brillamento solare o anche eruzione solare o stellare in astronomia è una violenta eruzione di materia che esplode dalla fotosfera di una stella, sprigionando una energia equivalente a varie decine di milioni di bombe atomiche. È causato da un improvviso rilascio di energia in occasione di un fenomeno di riconnessione delle linee del campo magnetico.

CLASSIFICAZIONE DELLE ERUZIONI
I brillamenti solari sono classificati in cinque classi di potenza a seconda della loro luminosità nei raggi X, misurata a Terra in Watt/m2 e nella banda tra 0,1 e 0,8 nm. In ordine crescente di potenza sono A, B, C, M e X. Ogni classe è dieci volte più potente di quella precedente, con la più potente X pari a un flusso di 10-4 W/m2, ed è ulteriormente suddivisa linearmente in 9 classi, numerate da 1 a 9.Un brillamento M5 è la metà di un brillamento M10, cioè X1, a sua volta la metà di un brillamento X2. Un brillamento X2 è pertanto 4 volte più potente di un M5 e 10 volte più potente di un evento M2. Oltre la classe X9, la più alta, la numerazione prosegue linearmente. Brillamenti di tale entità sono rari, come quelli del 16 agosto 1999 e del 2 aprile 2001, di potenza X20, cioè due volte più potenti di un X10, il fondoscala della classe X. Il record del più potente flare mai registrato è detenuto dall'evento del 4 novembre 2003, inizialmente stimato in X28 e successivamente corretto in X45.

CONSEGUENZE
I raggi X e ultravioletti generati hanno ionizzato la parte superiore dell'atmosfera terrestre e causato una serie di blackout radio nella faccia illuminata della Terra, sopra Europa, Africa e Oceano Atlantico. Anche la comunicazione sulle basse frequenze radio usata nei sistemi di navigazione ha subito disturbi per un'ora. Entrambe le eruzioni sono state originate da una regione attiva, la macchia solare AR2673, larga 7 volte la Terra.

#eruzionesolare #dueesplosioni #raggi


caricamento in corso...
caricamento in corso...