Mihajlovic a tutta franchezza: se il Milan gioca da schifo "giusto esonerarmi"

08 aprile 2016 ore 17:09, Americo Mascarucci
Sinisa Mihajlovic, tecnico serbo del Milan, non le manda a dire e prima che con gli altri si mostra severo con se stesso.
"Se facciamo schifo, è giusto che a pagare sia l'allenatore" ha dichiarato in un’intervista a Repubblica alla vigilia dell’incontro di San Siro con la Juventus. 
Dalla sconfitta con l’Atalanta a questo test decisamente difficile c’è stato un ritiro molto impegnativo dal quale il tecnico è convinto la squadra sia uscita rafforzata. Ma ora bisognerà attendere i risultati.
"Dico sempre ai giocatori – dichiara a Repubblica - che non devono tenersi le cose dentro. Capisco che in un gruppo di venti giocatori non ci si può stare tutti simpatici. Ma è  meglio dirsi le cose in faccia quando ci sono problemi anziché fare i permalosi. Da questo punto di vista il ritiro ci è servito perché ci siamo parlati, analizzando anche le cose buone fatte durante l'anno che adesso non riusciamo più a fare. Non è stato un ritiro punitivo. E' passato un anno di Milan ma mi sembra che ne siano trascorsi cinque se penso a tutto quello che abbiamo provato per risolvere le difficoltà. Ci sono cose che anche con la buona volontà non si riescono a correggere. Se non sono riuscito a dare continuità alla squadra – ammette - mi prendo le mie responsabilità. A un certo punto credevo che fossimo riusciti a svoltare, invece ci siamo persi di nuovo. Non me l'aspettavo. Come diceva Trapattoni, esistono due categorie di allenatori: quelli che sono stati esonerati e quelli che lo saranno". 

Mihajlovic a tutta franchezza: se il Milan gioca da schifo 'giusto esonerarmi'
Mihajlovic è pronto ad assumersi fino in fondo le proprie responsabilità nel caso in cui la partita con la Juventus dovesse finire male o la squadra dimostrasse pessime prestazioni in campo: "Faccio questo lavoro da tanti anni, come allenatore del Milan ho un altro anno di contratto e cercherò di dare sempre il massimo e di tirare fuori tutto dai giocatori. Ma io – precisa - come tutti gli allenatori del mondo, dipendo dai risultati. Vediamo come faremo queste ultime partite e se riusciamo a vincere la Coppa Italia, poi dopo faremo i conti. Se facciamo schifo, è giusto che a pagare sia l’allenatore"
Anche prima della finale della Coppa Italia? "Se facciamo schifo, è giusto che venga esonerato anche prima. Quando le cose vanno male, è giusto che l'allenatore si assuma le proprie responsabilità. Se non riesco a trasmettere determinate cose, ho fallito. Ma, fino a quando sono qua – aggiunge - cercherò di dare sempre il massimo. Non è mai mancata la vicinanza di Galliani anche nei momenti difficili come quello attuale. E di questo lo ringrazierò per sempre". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...