Per Grillo il sindaco di Quarto è "pulito" ma è pronto a rinnegarlo. La Picierno soffia sul fuoco

08 gennaio 2016 ore 10:49, Americo Mascarucci
Beppe Grillo è intervenuto sul “caso Quarto” facendosi otto domande e dandosi otto risposte. Naturalmente le domande se le è poste da solo rifiutando di rispondere a quelle dei giornalisti. "Otto domande e risposte su Quarto, intanto #condannanovoi" scrive l’ex comico sul suo blog. 
Grillo attacca sostenendo che “i voti della camorra non sono stati determinanti” per la vittoria di Anna Capuozzo al ballottaggio della primavera scorsa quando il Movimento 5Stelle ha conquistato il Governo del comune napoletano. 
Tutto nasce dal coinvolgimento nell’inchiesta della Procura partenopea di un ex consigliere 5Stelle ritenuto il collante fra il Movimento e la criminalità organizzata. In alcune intercettazioni telefoniche,  un imprenditore legato ai clan avrebbe dato indicazioni di mobilitare più gente possibile in vista del ballottaggio per far vincere i 5Stelle, e secondo gli inquirenti si tratterebbe dello stesso imprenditore a capo del consorzio privato cui il consigliere indagato avrebbe fatto di tutto per assegnare la gestione dello stadio di Quarto. Il sindaco Capuozzo ascoltata dai magistrati ha ammesso di aver subito pressioni dal consigliere 5Stelle per far ottenere la gestione dello stadio al suddetto consorzio ma di non aver ceduto mentre i 5Stelle rivendicano il merito di aver espulso il consigliere ben prima che si scoprisse il suo coinvolgimento nelle indagini giudiziarie. 
Grillo evidenzia come il consenso del consigliere accusato di connivenze con la camorra e sotto inchiesta per tentata estorsione nei confronti del sindaco stesso e voto di scambio, sia esiguo rispetto a quello ottenuto dal Movimento, 840 voti a fronte del 70,79% dei voti, pari a 9774 preferenze. Come dire: l’aiuto della camorra se effettivamente c’è stato ha influito in minima parte sul successo elettorale, non al punto di determinare l’elezione della Capuozzo. La quale continua a definirsi "parte lesa" rivendicando come, nonostante le pressioni subite dal consigliere, la gestione dello stadio sia rimasta ad un consorzio per la legalità. Grillo ha poi continuato con le domande rivolte tutte a dimostrare come la giunta di Quarto sia pulita, il sindaco non risulti indagato, il Movimento abbia fatto pulizia in tempi non sospetti cacciando il consigliere presunto colluso ed impedendo alla camorra di mettere le mani sull’amministrazione.

Per Grillo il sindaco di Quarto è 'pulito' ma è pronto a rinnegarlo. La Picierno soffia sul fuoco
Tuttavia le polemiche non si placano soprattutto da parte del Pd. Pina Picierno attacca Grillo e company sostenendo la loro inadeguatezza a governare: "Per i grillini che avevano come mission la legalità, è possibile che non si siano accorti di chi erano i loro grandi elettori? O i requisiti di onestà riguardano unicamente i candidati? – si chiede la Picierno che poi aggiunge - Questo dimostra che il nuovismo senza struttura specie in alcuni territori , puó essere facile preda di chi ha altre mire. E lo è ancora di più se a correnti alterne, in base alla regione d'Italia in cui si fa campagna elettorale, a volte si strizza l'occhio affermando che la mafia non esiste o che la mafia non strangola come lo Stato". 
La Picierno invita poi i vertici pentastellati a chiedere e pretendere le dimissioni del sindaco di Quarto. Ipotesi questa tuttavia non esclusa all’interno del Movimento dove più di qualcuno si sarebbe detto pronto a buttare a mare la Capuozzo e l’amministrazione comunale qualora l’inchiesta dovesse rivelare altri particolari inediti. Insomma se l’imbarazzo dovesse aumentare meglio ridare la parola agli elettori e chiudere l’esperienza amministrativa in tutta fretta. E intanto la guerra fra Pd e 5Stelle prosegue soprattutto a colpi di twitter al vetriolo. Sembrano davvero lontani i tempi della collaborazione istituzionale, appena due settimane fa, che ha reso possibile l’elezione dei tre giudici della Corte Costituzionale. Colpa forse dei sondaggi sempre più benevoli verso Grillo e company?

caricamento in corso...
caricamento in corso...