La penna che scopre i tumori con una goccia d'acqua: svolta dal 2018

08 settembre 2017 ore 11:44, Americo Mascarucci
Una penna scoverà il tumore. E' l'ultima sensazionale scoperta che dovrebbe favorire la diagnosi in tempo reale individuando le cure più rapidi ed efficaci per curare la malattia. Si chiama MasSpec Pen, è un dispositivo sviluppato dall’università del Texas ad Austin che servirà ai chirurghi per avere informazioni diagnostiche in tempo reale su quale tessuto rimuovere o conservare in casi di tumore, Al momento lo strumento è stato sperimentato soltanto sui topi ma i ricercatori contano di sperimentarlo sull’uomo a partire dal 2018.
La penna che scopre i tumori con una goccia d'acqua: svolta dal 2018

COME FUNZIONA
Il chirurgo tocca con la super-penna un sospetto tumore e questa rilascia una goccia d’acqua all'interno della quale si muovono le sostanze chimiche all’interno delle cellule viventi: la goccia viene poi risucchiata all’interno della penna per l’analisi. Lo strumento è poi collegato con uno spettrometro di massa in grado di esaminare migliaia di sostanze chimiche al secondo. In questo modo, la penna può segnalare l’eventuale presenza di cellule cancerose. Il tutto senza asportare tessuto, cosa che in alcuni organi può anche creare seri problemi, come nel caso del cervello.

LA SCOPERTA
Dopo aver analizzato i campioni dei tessuti tumorali di 253 pazienti (polmone, ovaie, tiroide e seno), i ricercatori sono riusciti a sviluppare un profilo molecolare, arrivando così a identificare i tumori con un’accuratezza del 96%. In questo modo, la “penna” riesce ad essere 150 volte più veloce rispetto alle attuali tecnologie nell’identificare i tumori e riesce a farlo senza danneggiare i tessuti sani. Rimuovere troppo tessuto sano, durante la chirurgia, può provocare effetti collaterali ai pazienti, come danni ai nervi o ai muscoli.


#tumori #penna#scoperta
caricamento in corso...
caricamento in corso...